L’albero della “crisi”.


buon-natale14

 

 

Ciao! Ma voi lo sentite lo spirito del Natale?deconoel_4[9]

Io sono sempre stata una cultrice del presepe, mi piace fare l’albero , addobbare la casa, andare in montagna a raccogliere il muschio  e il pungitopo da regalare alle amiche. Per motivi che non sto a raccontarvi, negli ultimi anni non ho fatto niente di frivolo per festeggiare il Natale e la scatola degli addobbi e del presepe è rimasta sotto la polvere nel ripostiglio. deconoel_4[3]Quest’anno però, alla faccia della crisi, mi era venuta voglia di tirar fuori tutto e riprendere la mia bella abitudine. Io ho sempre fatto l’albero vero, mi piaceva andare al vivaio a comprarlo e quell’odore di pino in casa mi dava proprio il senso del Natale. Quest’anno, visto e considerato che i preparativi per la sistemazione dell’albero vero sono diventati un pò faticosi per me, per non parlare poi degli aghi che vanno per tutta casa, avevo deciso di prenderne uno ecologico, uno di quelli belli che a guardarlo sembra quasi vero e lo trovi pronto anche negli anni a venire. Lo avrei adornato con le cose che ho, addobbi molto belli che ho accumulato negli anni, palline nastri e lucine di diverso colore, avevo solo da scegliere quali usare. Pensavo di cavarmela con poco, due spedizioni alla ricerca dell’albero giusto in grandi supermercati, dove ci sono tanti alberi che sembra di trovarsi nella Foresta Nera e un formicolio di gente che sembrava assatanata  alla ricerca di addobbi da far venire il mal di testa. deconoel_4[11]Entrambe le spedizioni andate a vuoto! L’albero che mi piaceva costava più di duecento euro, che in periodo di austerità non sono pochi ed era poi troppo alto per il mio salotto. Allora ho cercato un albero più piccolo e speravo più economico, ma di così belli non ne ho trovati , gli altri, quelli da cento euro, erano così brutti che mi è passata la voglia. Dovete sapere poi che mio marito, non ama l’albero ecologico, infatti ha sempre appoggiato l’acquisto dell’albero vero come un rituale piacevole e divertente, ma adesso  ha cambiato idea e in questo sono daccordo, ritiene infatti che spendere cinquanta euro per un albero destinato a morire e a dare più problemi che altro, è una cosa insensata, quindi si è completamente disinteressato all’acquisto ed io mi sono ritrovata sola , combattuta tra incertezza e desiderio di aver il mio albero di plastica. Il tutto si è concluso con una crisi da parte mia e l’assoluto rifiuto di ulteriori spedizioni. Giunta a casa ho ricordato di avere una cordina luminosa da mettere al balcone, una di quelle con le lucine dentro, veloci e tanto simpatiche. Decisi di andarla a cercare , almeno quella .deconoel_4[5] Ci sarebbero voluti due minuti a prenderla e in periodo di recessione avrebbe fatto la sua bella figura accesa nella notte. Dopo una immersione fra le varie cose del ripostiglio trovai le mie luci, feci una prova per vedere se funzionavano, erano a posto, aspettai la sera per piazzarle, almeno quelle… non ci crederete, ma dopo aver armeggiato per un’ora al freddo sul balcone, le luci non si sono accese, ahhhhh che rabbia!!! Al che ho accantonato anche l’idea di fare il presepe, onde evitare ulteriori delusioni…Sarà Natale anche quest’anno… senza albero, senza addobbi, ma con la luce nel cuore, nella speranza di star bene insieme ai miei cari e a voi tutti che mi avete letto fin qui.

deconoel_4[7]

About these ads

18 pensieri su “L’albero della “crisi”.

  1. Anche così si aspetta il Natale,leggendo di blog in blog le emozioni degli amici,volevo anchio quest’anno rifare il presepe ma ho una super gattona alquanto discola e di sicuro mi porterebbe le statuine dappertutto,quindi solo l’albero e basta,si con mille lucine che circolano per casa,Natale è aver amiche come Te
    Auguri intanto a presto,un abbraccione
    Massimo

  2. Cara Maria anch’io ho fatto come te, assieme alla figlia sono andata alla ricerca
    dell’albero ma quello che mi piaceva era troppo caro e allora mi son detta anche
    il mio piccolo albero di plastica con le sue luci traballati fa Natale, la festa deve
    essere dentro di noi. Il Presepe lo faccio, ma è una capanna e quattro pastorelli, erano di mio padre, e lo faccio per ricordarmi sia il mio papà che i tempi di quando ero bambina. Cerco di mantenere le tradizioni. Devo dire che quest’anno è molto sotto tono, vedo anche i negozi che non hanno fatto pazzie qualche lucina e un poco di bambagia. La crisi si vede, ma siamo noi che facciamo il Natale con la
    nostra fede e la nostra gioia. E tutti i giorni può essere Natale se si regala un sorriso a chi è solo. Ti abbraccio Maria e abbasso la crisi noi abbiamo dei figli speciali per cui sarà un Natale eccezionale. Tina

  3. io cara Maria presa dal senso di colpa perchè ogni anno vedevo buttati nei cassonetti tanti alberi ormai inservibili ..compreso il mio. decisi due anni fa di comprare l’albero ecologico… che poi come dici tu costa un bel po’.. però sono indecisa se quest’anno farlo o meno visto che il Natale lo passerò a Milano a casa di mia figlia perchè è nato il mio nipotino e sarà bellissimo stare insieme a lui. allora ho addobbato un bellissimo albero di limoni che ho in un grande vaso in giardino .. ti dirò che con le lucine colorate e con tante palline colorate fa la sua figura… ti auguro una bella serata, con affetto Adriana.

    • auguri Adriana la più bella cosa è questo tuo nipotino, lasciamo stare gli alberi e i regali, un bimbo è il dono pià bello che la vita ci possa dare, sarà sicuramente il Natale più bello della tua vita. Un abbraccio affettuoso e tanti auguri anche ai genitori del bimbo. Maria

  4. Sinceramente no, quest’anno meno ancora degli altri anni. Ho fatto solo un piccolo presepe giusto per ricordar la nascita di Gesù. Un abbraccio buona serata (F)

  5. grazie Maria, si abbiamo ricevuto il regalo più bello in assoluto.. la nascita di questa piccola creatura. un emozione grandissima.. un vero miracolo. grazie per gli auguri son davvero felice. ti abbraccio con affetto.

    • Cara Adriana per te che hai appena avuto il dono più bello che Gesù Bambino possa dare auguro una vita lieta piena di sorrisi… tenerezza… amore… dolcezza….
      con il tuo bimbo !
      Sai anche mia figlia ha una bimba di 4 mesi ed è un’emozione continua.
      Dolce Sera!
      Rosaspina

  6. E’ vero, cara Maria, Natale è la luce nel cuore… l’amore verso i propri cari e verso il mondo intero….con l’albero o senza importante è l’amore.
    Io, però, penso che se abbiamo la possibilità di dare un colore diverso, in questi giorni , alle nostre case, ben fatto sia, rifare l’albero è sempre un’emozione per me perchè l’albero di Natale è la storia della mia vita, ogni pallina segna un momento, un ricordo, un sorriso dei bambini , oggi grandi e sposati e quando vengono a trovarmi provano tanto piacere nel rivivere le loro emozioni e sono tanto contenti anche la casa adornata a festa e sembra contenta.
    Sì la crisi si vede e si sente, ma se già abbiamo qualcosa cerchiamo di valorizzarla la massimo !
    Un abbraccio mia cara! e un mondo di auguri!

  7. Ogni anno addobbiamo sempre lo stesso albero, un pino artificiale altro un metro e novanta…. gli addobbi son sempre quelli, mentre sul balcone mettiamo un tubo luminoso…. qui da noi oltre il novanta per cento dei balconi è adobbato con lucine varie e non ti nascondo che si crea una bella atmosfera.
    Ti auguro una serena notte, con amicizia, Viti

  8. E dai un piccolo presepe lo puoi sempre fare giusto un simbolo io farò così anche a me è sempre piaciuto farlo poi è vero lo spirito del Natale deve essere dentro di noi.Buonanotte Maria.

  9. Io adoro il Natale lo vivo nell’attesa minuto per minuto, nulla mi crea fastidio… nè la folla, nè il rumore, nè il traffico intenso… e per di più vivendo in un clima di economia sia in classe con i miei piccoli di prima che a casa, ho tantissimo da fare… creo ogni più piccolo addobbo “fai da te”… pochi soldi, grande soddisfazione e giorni che passo, abbandonando anche i miei interessi personali, ma sono felicissima…e vorrei far durare questa attesa a lungo…
    Credimi nessuno più di me ha tanti problemi personali… ma questi giorni servono paradossalmente a staccare la spina, farmi rilassare e gioire nell’attesa della nascita di nostro Signore!
    P.S.
    Pensa che soltanto a casa mia ho allestito tre alberi di Natale… uno quasi in ogni stanza… per non parlare delle decorazioni varie…. forza coraggio voglio sentirti viva!!!
    Un abbraccio
    Fata scalza

    • Anche a me piace fare gli addobbi, ne ho tanti degli anni scorsi bellissimi, ma a volte si è un po giù e non si ha tanta voglia,Comunque ho seguito il consiglio di Naz e questo pomeriggio ho fatto un delizioso presepe.Grazie,un caro abbraccio, Maria.

      • So che Naz è un grande amico …e solo un buon amico può spingerti a fare ciò che non mi sembra abbia nell’animo… poca serenità… questo traspare dal tuo post e me ne sono dispiaciuta… per cui ti auguro di essere prima di tutto in pace con te stessa…
        Un caro abbraccio anche a te…
        Fata scalza

  10. Io ogni anno faccio un alberello piccolino, di quelli già pronti, e un presepe di poche statuette, giusto per il simbolo…quello che davvero accende il Natale è come tu giustamente dici cara Maria, l’amore che si respira nelle nostre casa e che irradia dal nostro cuore come la più sfavillante delle luci. Un bacio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...