Archivio | marzo 2010

La neve


 
 
   La neve una delle meraviglie della natura che il poeta ha ben saputo rappresentare nei suoi versi. Io la vedo dal mio terrazzo la vecchia signora, col suo scialle di neve ,che si assottiglia a primavera fino a sciogliersi completamente sotto il solleone e ogni volta che la guardo ne resto incantata.

Come la vede il poeta:


 

Citazione

La neve

 
 
Fior di neve

Dal cielo tutti gli Angeli
videro i campi brulli
senza fronde né fiori
e lessero nel cuore dei fanciulli
che amano le cose bianche.
Scossero le ali stanche di volare
e allora discese lieve lieve
la fiorita neve.
(U. Saba)

Le mie passioni: la cucina


La cucina è un’altra delle mie passioni,Cuore rosso cucino perchè mi piace provare, sperimentare nuove ricette , nuovi sapori. Naturalmente i miei cari sono ben feliciSorriso di prestarsi come assaggiatori e sono dei criticiSarcastico inflessibili e molto interessati.Stralunato A volte cucino anche per i miei amici , che accettano di buon gradoAnimoticon. La cucina per me è un’arte, è ricerca , è cultura  è studio, ma soprattutto è il preludio del pasto, un momento di aggregazione molto importante per la famigliaSorrisoche io curo con passione.Cuore rosso

I miei più grandi amori: mio figlio


Mio figlioCuore rosso:il mio futuro,lo scrigno delle mie speranze,la fonte delle mie gioie più grandi………ma……..come scrisse il filosofo libanese Gibran "I vostri figli non sono i vostri figli (….). Essi non vengono da voi ,ma attraverso di voi. E non vi appartengono benchè viviate insieme(….). voi siete gli archi da cui i figli, le vostre frecce vive, sono scoccati lontano. L’arciere vede il bersaglio sul sentiero infinito e con la forza vi tende, affinchè le sue frecce vadano rapide e lontane."

Io mi diletto.La poesia


A un tratto mi trovai….

 

Infuocato ardeva il cielo  

sul fianco della montagna

e mi ritrovai nel tramonto,

d’improvviso,

come in un campo di battaglia,

dove avevano lottato angeli e demoni.

 Si spargeva nel cielo l’intenso rossore,

 infiltrandosi nel grigio delle nuvole,

ma risparmiando il candore della neve

che appariva appena orlata di fuoco.

Poi pian piano ,

 un gomitolo di nuvole si staccò

innalzandosi nel blu come un dirigibile in fiamme

e il rosso cominciò a diluirsi come un acquerello,

stemperandosi d’arancio ,di pesca,

a tratti di grigio ,

spargendo nel cielo delicate trine rosate ,

che  l’aria spingeva  piano all’orizzonte

e si perdevano  nel buio della notte

che silenziosa incombeva alle mie spalle.

Magia di un istante che colsi con gli occhi e col cuore

in una sera , sul finir dell’inverno.

                                           Maria Cavallaro

 

Dal 2000 in base alla legge 248: "….tutti i testi che vengono pubblicati in internet sono automaticamente protetti dal diritto d’autore. L’art. 6 della legge 633/41 stabilisce che ogni opera appartiene , moralmente ed economicamente, a chi l’ha creata .. Pertanto e’ illegale (legge 22 aprile 1941, N° 633- legge 18 agosto 2000, N° 248, copiare, riprodurre ( anche in altri formati o supporti diversi), pubblicare parte di essi se non dietro esplicita autorizzazione.. La violazione di tali norme comporta sanzioni anche penali… " L’autore scrivente: Maria Cavallaro intende avvalersi di tale legge per eventuali furti di poesie, o stralci di esse, pubblicate in questo blog.

 

 

I miei amori: il mare


Il mare mi piace,Cuore rosso mi affascina con la sua vastità e mi perdo a volte con lo sguardo a rincorrere le sue onde:allora mi prende l’anima e mi rapisce la mente.Stralunato Il mare mi piace con i suoi odori , i suoi sapori, i suoi coloriArcobaleno mi piace la sua liquidità che avvolge il corpo e alleggerisce i movimenti. Mi piace certi pomeriggi d’estate, immergermi nell’acqua salmastra e lasciarmi cullare ,mi piace ,quando il soleSole tramonta dietro la montagna, nuotare dietro l’ultimo raggio, mentre le ombre della sera calano sul nero della scogliera che d’un tratto si spoglia del suo vestito a colori. In tanti anni ho imparato a riconoscerne il linguaggio, a temerne la forzaArrabbiato a godere della sua tranquillitàAngelo, assaporando la sua salinità.Animoticon