Archivio | luglio 2010

buonanotte


 
 
 
 
 
Buonanotte  
 
 
 

      

 

Vi lascio con questa dolcissima ninna nanna, che ci rasserena l’animo e ci fa sentire in pace con noi stessi!

 

Bonne nuit   ....

 

Annunci

Io mi diletto:La mia poesia


 
animaux marins 
 
Un amore 
 
A te torno ogni giorno
presa d’amore.
Mi abbandono al tuo abbraccio,
ti affido il mio corpo
 senza pudore
 
 
e in te
mi unisco al cielo.
Volano sopra di noi
batuffoli di nuvole rosa,
 
  
capriccio di un pittore
e gabbiani erranti
si perdono nel sole.
 
 
 
Con la tua carezza
 mi prendi l’anima,
o mio mare, io ti amo
e fra le tue fresche acque,
 
 
 complice,
mi lascio cullare,
respirando
            il tuo profumo di eternità.           
 
Maria Cavallaro
 
 
 
 
 
 
 
 
Dal 2000 in base alla legge 248: "….tutti i testi che vengono pubblicati in internet sono automaticamente protetti dal diritto d’autore. L’art. 6 della legge 633/41 stabilisce che ogni opera appartiene , moralmente ed economicamente, a chi l’ha creata .. Pertanto e’ illegale (legge 22 aprile 1941, N° 633- legge 18 agosto 2000, N° 248, copiare, riprodurre ( anche in altri formati o supporti diversi), pubblicare parte di essi se non dietro esplicita autorizzazione.. La violazione di tali norme comporta sanzioni anche penali… " L’autore scrivente: Maria Cavallaro intende avvalersi di tale legge per eventuali furti di poesie, o stralci di esse, pubblicate
 
 
 
 
 
 
 

Io mi diletto in cucina: oggi siete tutti invitati


 

 

IL gelato mantecato all’amarena

 

  

 
Giorni fa avevo preparato lo sciroppo di amarene, ma come si fa a consumarlo nel modo migliore? Oggi ho preparato un buon gelato  fior di latte e ve lo voglio offrire variegato all’amarena,
 
 
 
 
 Ditemi se vi piace, vi invito tutti ad assaggiarlo.
Aspettate un attimo nelle mani no,si scioglie!
 
 
 
 
Ve lo offro in coppa!!!!
 
 
 
Ah dimenticavo, avevo invitato qualche ospite di riguardo! 
Se gliene scappa un pò, sulla porpora la macchia non si vede!
 
 
 
 
Noooo, Santità le è piaciuto così tanto, le mani al cielo no, per così poco! 
 
 
 
Per par condicio ho dovuto invitare anche lui, la chiesa e lo stato uuuhmmm ! 
Lui applaude soddisfatto,
 ma signor presidente, non si lasci andare così, mi consenta, un pò di etichetta!
 
 
 
 
Oh mio Dio! Piange,avevo invitato anche lui, ma è arrivato in ritardo, il gelato é finito!!!
 
 
 
Se volete prepararlo anche voi sarà un successo.
Ecco la ricetta:
indispensabile una gelatiera
250gr di panna fresca
500 gr di latte fresco intero
230gr di zucchero
una bustina di vanillina
sciroppo di amarene
 alcune cucchiaiate di amarene sciroppate
 
 
Esecuzione.
Sciogliete lo zucchero semolato a freddo nel latte, aggiungete la panna e la vanillina, versatelo nella gelatiera e lasciate mantecare fino a quando la gelatiera si ferma.Versate il gelato in un contenitore col tappo e mescolate leggermente con due o tre cucchiaiate di sciroppo e alcune amarene in modo che il colore rosso faccia delle strie.Servitelo nappandolo con dell’altro sciroppo e amarene per decorare.
 
 
 
 
 

Filosofando: La nostra quint’essenza


 
 
Barres & déco diverses ...
 
 
Barres & déco diverses ...
 
 
 
Alla ricerca dell’anima
 
 
Ho letto tanti filosofi in gioventù, che si è creato dentro di me un angolino filosofico, come si dice: chi pratica con lo zoppo impara a zoppicare.
Non voglio tediarvi con argomenti barbosi, primo perchè non ne sono all’altezza e poi con questo caldo occorrerebbe prestare troppa attenzione e sarebbe faticoso, ma voglio parlare con voi in modo semplice dell’anima, quel quid che ci differenzia dalle bestie e che ci fa definire uomini.
 
 
 Ne voglio parlare  in modo leggero, sorvolando su ciò che dicono gli antichi filosofi, che hanno stilato tante teorie, ma non hanno raggiunto una comune definizione di quella parte invisibile che vive in ognuno di noi, dentro la quale nessuno si può affacciare. Ci provano gli psicologi, gli psichiatri, ma non possono che formulare teorie, fare analisi su quanto lascia intravedere una psiche malata, che manda all’esterno dei segnali del suo disagio interiore. Ma non possono  vedere l’anima , la scintilla viva ,
 
 
 
 il tramite che ci fa interagire col nostro prossimo e ci riconcilia col Creatore quando raccogliamo i nostri pensieri. Io ho assistito la  mia mamma malata di Alzheimer e spesso mi chiedevo dove andasse la sua anima quando lei si ritraeva nel suo mondo e non interagiva con me: non ho trovato una risposta esauriente, andava forse dal Creatore?
 
 
 No, non poteva, non era ancora giunto il suo il momento, ma non era nemmeno dentro di lei, i suoi occhi erano senza luce, vagavano assenti per sentieri a me sconosciuti.
 
 
 Poi ritornava per rari momenti, allora c’era ancora, non era andata via per sempre, si era solo interrotto il collegamento, la centrale di elaborazione dati posta nell’organo che fa da tramite, il nostro cervello, si era guastata. Se ci riferiamo all’anima secondo la visione della religione cattolica, secondo cui il bene e il male che facciamo durante la vita  viene addebitato all’anima che deve renderne conto al Creatore per il giudizio finale, allora nessuno si salverebbe, solo i puri potrebbero vederlo. A volte si pecca col corpo per colpa di squilibri fisici, come le tempeste ormonali che ci spingono a compiere determinate efferatezze, in questo caso cosa c’entra l’anima? Mi vengono in mente i bambini autistici, dove sta la loro anima? è rimasta  attaccata al Creatore?
 
 
Perchè non possono interagire con gli altri? E i matti? dove è andata a finire la loro anima?
 
 
 
Quante domande, ma nessuna risposta, non trovo dentro di me nessuna certezza, solo teorie, supposizioni, ma è poi quello che sentiamo dentro di noi l’anima? Non lo sapremo mai! Ma voi vi siete mai chiesti dov’è la vostra anima???????????
 
 
Barres & déco diverses ...
 
 

Io mi diletto: la mia poesia


 
 
 
Barres & déco diverses ... 
 
 
 
 
Pensieri nel tramonto
 
 
 
Me ne stavo
sdraiata sul dondolo
a crogiuolare i miei pensieri,
 
 
 
 
sola,
nel fresco della sera.
Vagava il mio sguardo
 all’orizzonte,
il vulcano portava
uno strano cappello di nuvole
 
 
 
 
e spade di fuoco
lo attraversavano
splendenti nel grigio
delle prime ombre.
I tuoi passi
mi colsero all’improvviso,
e restammo in silenzio
come a voler rispettare
la sacralità d’un momento
consueto e mai uguale
che ci stupisce ogni volta.
 
  
 
abbraccio 
 
 
Poi,
calato il velo della notte
restammo lì
a guardare il cielo
e da lassù
una stella
e uno spicchio di luna
 
 
 
 
si dondolavano con noi
nel silenzio dell’oscurità.
 
Maria cavallaro
Barres & déco diverses ... 
 
 
 
Dal 2000 in base alla legge 248: "….tutti i testi che vengono pubblicati in internet sono automaticamente protetti dal diritto d’autore. L’art. 6 della legge 633/41 stabilisce che ogni opera appartiene , moralmente ed economicamente, a chi l’ha creata .. Pertanto e’ illegale (legge 22 aprile 1941, N° 633- legge 18 agosto 2000, N° 248, copiare, riprodurre ( anche in altri formati o supporti diversi), pubblicare parte di essi se non dietro esplicita autorizzazione.. La violazione di tali norme comporta sanzioni anche penali… " L’autore scrivente: Maria Cavallaro intende avvalersi di tale legge per eventuali furti di poesie, o stralci di esse, pubblicate in questo blog.
 
 

Visita ad Acireale


Barre ... 
 
 
 
La regina delle sette Aci
 
 
 
 
 
 
 
Oggi vi voglio condurre con me a visitare una delle sette Aci presenti sul territorio.
Acireale è una città posta in una bellissima posizione collinare, si erge sopra la timpa, quasi a strapiombo sul mare, ammantata alle spalle da verdeggianti colline e sullo sfondo si staglia la maestosa vista dell’Etna.
 
 
 
 
Secondo la mitologia, Acireale prese il nome dal pastorello Aci che amoreggiava con la ninfa Galatea.
 La leggenda narra che Aci era  innamoratissimo di Galatea, e per tenerla in allegria, improvvisava versi accompagnandosi con il suo fischietto di canna. Lei, innamorata a sua volta, lo guardava negli occhi ricambiando il suo amore. Purtroppo però, il gigante Polifemo, un ciclope innamorato della ninfa Galatea, accecato dalla gelosia, un infausto giorno, perse la ragione e con un enorme masso schiacciò il pastorello Aci. L’orribile tragedia non passò inosservata fra gli dei, i quali mossi a compassione, trasformarono il corpo del giovane Aci  in un fiume che a tutt’oggi scorre proprio sotto il Municipio di Acireale.  Fu poi il re Filippo lV che la nominò città regia, da cui il nome di Acireale.
 
 
La città oltre che per la sua leggenda , è nota per il suo Carnevale. L’industria della cartapesta vanta antiche tradizioni e negli ultimi anni ha raggiunto alti livelli di perfezione artistica, avvalendosi anche della moderna ingegneria informatica per costruzioni dai movimenti complessi ed elaborati.
 
 
 
Altra attrattiva acese è l’Opera dei pupi, un teatro che vanta anch ‘esso una lunga tradizione di pupari, che hanno cantato le gesta di Orlando e il suo amore per la bella Angelica, facendo muovere magistralmente sul palco pupi dalla straordinaria bellezza.  
 
 
 
Acireale, detta la città dai cento campanili, è adornata da numerosi monumenti barocchi, come la rinomata Basilica di S. Sebastiano del XVII secolo e nei suoi vicoli si possono ammirare
 
 
 
splendidi palazzi con portali e balconi decorati con leggiadre  ghirlande di fiori e puttini alati.
 
 
Fiorente l’industria dolciaria che produce prelibatezze rinomatissime, quali i frutti di pasta martorana, le paste di mandorla, le granite e i gelati di gusti svariati, che gli avventori possono consumare nei caratteristici salottini all’aperto. 
 
 
La città possiede anche una stazione termale che sfrutta i benefici di fanghi e acque sulfuree che sgorgano dal sottosuolo ed è servita da un confortevole servizio alberghiero e di ristorazione.
 
Barre ...
 

IL fenomeno


 
 
 Barres & déco diverses
 
Quando l’arte incontra il virtuosismo, nasce il fenomeno.
L’ho ascoltato e sono rimasta incantata, lo propongo a voi è Yundi Lì, pianista asiatico appena ventenne, che interpreta in maniera magistrale "La campanella" di Franz Liszt.
  

                                             

   http://www.youtube-nocookie.com/v/hEnfZjqMSy0&hl=it_IT&fs=1?color1=0x402061&color2=0x9461ca&border=1

                    

Barres & décos diverses ...