Archivio | settembre 2010

Addio space


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Oggi ho aggiunto delle rose al mio space, me lo voglio godere ancora un pò così come l’ho creato, con tanta fatica, perdendoci il sonno. Mi dispiace che vada in disuso come una vecchia auto arrugginita, non mi sembra giusto che possano decidere cosi del nostro lavoro! Penso che continuerò a scrivere il mio blog, ma non sarà la stessa cosa, il mio lilla,  il mio sfondo giallo, le mie fragole le mie ciliege, avevo curato gli accostamenti delle immagini, la musica dolce e suadente, mi sentivo a casa mia. Mi sentivo felice quando gli amici mi dicevano che nel mio space c’era tanta luce, c’era sapore di buono e di pulito. Scopriremo questo nuovo mondo che ci viene imposto d’ufficio. Potremo creare qualcosa di nostro o avremo tutti lo stesso colore bianco come i bambini dell’asilo?

 
 
Annunci

Sssssssssss!!!!!!!


 
 
Elogio del silenzio 
 
 
" Le parole sono preziose, ma più prezioso è il silenzio ".
 
 
 
 

Il silenzio è ondulato, perché aiuta a trovare emozioni. 
è ondulato perché è "pieno". 
è ondulato perché trasmette sensazioni: aiuta ad ascoltarti
è ondulato perché è lì che scivolano le valli della tua vita e gli echi delle voci di chi hai incontrato

Federico García Lorca
 
 
 

 

"Conchiglia, da dove viene il tuo prezioso contenuto? Dal silenzio; per anni e anni le mie labbra son rimaste chiuse ".

 

 

Chi mi conosce sa che sono una gran chiacchierona, mi piace parlare, usare le parole con arte, per esprimere il mio pensiero, districarmi fra le parole altrui per far spazio alle mie idee, al mio modesto sapere. Eppure sono un’amante del silenzio, mi piace ascoltarne la voce e camminare in esso sul filo dei miei pensieri. Nel silenzio posso ascoltare la voce della natura, mi piace in montagna nella vastità silenziosa, sentire i fruscii , lo stormire delle fronde che si piegano alla carezza del vento che lieve le solletica, il canto degli uccelli, uno sparo lontano che riecheggia nella vuota cavità del cielo, lo scricchiolio di un rametto sotto i piedi. Adesso che è tempo di castagne mi piace sentire i frutti maturi che cadono dai ricci sul tappeto di foglie secche e fanno risuonare i tronchi d’un rumore allegro di legno fresco! Il silenzio non è che uno stato di quiete, nel quale puoi distinguere mille voci che altrimenti non udresti mai. Mi piace in riva al mare ascoltare il silenzio per assaporare l’andirivieni dell’acqua che si infrange sulla scogliera, che rumoreggia cupa ad ogni onda, mi piace udire lo stridio dei gabbiani che si abbassano sul pelo dell’acqua per catturare i pesci, il rombo d’un motore d’una barca che si allontana all’orizzonte, il rumore di un aereo che vola sulla mia testa . Nel silenzio della  notte mi piace sentire la campana che suona i rintocchi, un gallo che canta, il cri cri d’un grillo canterino, un tuono lontano che si perde nel buio, una radio che suona la mia canzone da una macchina che passa. Nel silenzio cavalco i miei pensieri e trovo la pace interiore, guardo dentro di me e mi ritrovo a fare capriole con la mente in campi d’erba profumata, ad abbracciare le cose che amo, a gustarne il profumo. Il silenzio è pulito, è uno spazio dorato dove i miei pensieri riposano su cuscini di petali di rosa, è lo spazio in cui parlo con me stessa e progetto la mia vita, è lì che mi nascondo quando sono stanca e ho bisogno di recuperare le mie energie, è lo spazio in cui cerco di sentire la voce di Dio e sentirmi riconciliata a Lui.

Oggi le comiche


 
 
Oggi le comiche
 
 
 
 
 
Grazie Sandra e Raimondo!  
 
L’omaggio più bello che si possa fare a dei comici come Sandra e Raimondo, è quello di far sorridere la gente come hanno sempre fatto loro in modo magistrale.Per questo oggi sorridete con me, che dedico a loro i nostri sorrisi! 
 
   
 
Scena da un matrimonio….ben riuscito!!!! 
 
 
 
 
E poi dicono che il fumo fa male…..ma voi non provateci!!!!!!
 
 
 
Lo spirito è giovane……è il corpo che fa la guerra, comunque chi s’accontenta gode!!!!!! 
 
 
Ammazza oh! Ma che s’è mangiato il dottor Weight Watchers?
 
 
 Qui le cose sono due, non si discute, o dimagrisce o cambia il motorino.
 
 
 
Ammazza il nanetto!!!!!…….Dove manca Dio provvede…… 
 
 
 
 
 
 
Fine della rassegna, mi auguro di avervi almeno fatto sorridere!!!!!! 
 
 
 
 
 
 

Io mi diletto : la mia poesia


 
 Orange  ... barre
 
 
 
Lampare
 
 
 
Dondolio di lampare
nel buio si scorge da lontano,
una scia di luce
raccoglie perle di luna,
mentre vicini
respiriamo profumi d’alghe
misti a salsedine.
 
 
Orange  ... belle image
 
 
Una magica atmosfera,
intrisa di strane sensazioni,
 si aggira complice fra noi
e il tuo respiro si scioglie nel mio,
mentre voliamo
al di là della notte
e insieme assaggiamo
frutti di passione
nel giardino della luna.
 
 
 Amour ...
 
 
Sapienti le tue mani
raccolgono brividi dolci
 sulla mia pelle,
per farne dono al mio cuore
che ansante,
rincorre nel buio
i tuoi pensieri.
 
 
Maria Cavallaro 
 
 
 Orange  ... barre
 
 
 
 

Dal 2000 in base alla legge 248: "….tutti i testi che vengono pubblicati in internet sono automaticamente protetti dal diritto d’autore. L’art. 6 della legge 633/41 stabilisce che ogni opera appartiene , moralmente ed economicamente, a chi l’ha creata .. Pertanto e’ illegale (legge 22 aprile 1941, N° 633- legge 18 agosto 2000, N° 248, copiare, riprodurre ( anche in altri formati o supporti diversi), pubblicare parte di essi se non dietro esplicita autorizzazione.. La violazione di tali norme comporta sanzioni anche penali… " L’autore scrivente: Maria Cavallaro intende avvalersi di tale legge per eventuali furti di poesie, o stralci di esse, pubblicate
 

 
 
 

Mia madre malata di Alzheimer


Oggi la giornata dell’Alzheimer
Oggi è la giornata dedicata all’Alzheimer e voglio parlarne un poco con voi per ricordare la mia mamma, che è deceduta poco più di un anno fa, dopo otto o nove anni di declino fisico e cognitivo. Questa malattia non perdona,  è una malattia del cervello di tipo degenerativo e progressivo e coinvolge oltre che l’ammalato, anche l’intero nucleo famigliare. La famiglia risente sia livello economico,  ma principalmente a livello emotivo, dello stress derivante  dall’avere in custodia un ammalato difficile da gestire, proprio per la natura della malattia, il cui decorso  oscilla da momenti di quiete a momenti di incontenibile alienazione. Di fronte alla malattia si resta da soli, le strutture pubbliche fanno interventi solo a livello ambulatoriale, le cure prescritte sono pesanti e di nessun risultato, se non quello di instupidire totalmente l’ammalato, riducendolo allo stato di larva, oppure di potenziane l’aggressività per l’effetto paradosso,fino a livelli deleteri e pericolosi per la sua incolumità durante le crisi. La mia mamma era una donna intelligente e attiva,una madre amorosa, una moglie devota, sapeva fare tante cose, ma a poco a poco le sue facoltà andavano perdendo il loro smalto, oggi una dimenticanza, domani uno sbaglio e poi le allucinazioni notturne e le crisi di panico. All’inizio sembrava una forte depressione, ma poi le fasi avanzando cominciarono a chiarire il quadro clinico, la malattia aveva distrutto il suo povero cervello: non mi riconosceva più! Aver perduto il contatto con la sua mente è stata per me la cosa più terribile, parlare con lei di sua figlia come se fosse un’altra persona diversa da me mi feriva il cuore, però sentivo che lei mi amava , amava quella figlia che ricordava e si rammaricava di non vederla più. Io le continuavo a parlare , le ricordavo il nostro passato insieme, gli episodi più significativi della nostra vita famigliare, per tenere acceso quel barlume di memoria superstite, per aggrapparmi a quanto potevo ancora scorgere in lei. Raramente un attimo di completa lucidità, allora me la abbracciavo stretta, come per trattenerla con me, ma durava così poco! Era tremendo leggere il terrore nei suoi occhi, quando fissava mio padre come se fosse un estraneo, lui, l’amore della sua vita , non lo  riconosceva più e ne aveva paura. Abbiamo vissuto in un tunnel questi anni,soli, specialmente gli ultimi, quando piangeva come una bimba dietro la porta, perchè voleva tornare a casa: si, non riconosceva più nemmeno la sua casa, quando raggomitolava lenzuola e coperte in un inutile interminabile lavorio compulso. Quante serate d’inverno ho trascorso chiusa in macchina, aspettando che decidesse di andare a letto! Infatti se mi vedeva per casa non si tranquillizzava, io ero un’estranea, dovevo andarmene. La sua morte è stata molto dolorosa , ma non voglio rattristarvi oltre, parlarne con voi mi ha fatto bene, anche perchè credo che di queste cose è bene parlarne, fanno parte della vita e le esperienze degli altri servono per aiutarci a capire e a sopportare meglio le nostre avversità, per sentirci meno soli di fronte al dolore. Ciao mamma, adesso non hai più paura!

 se vuoi dedicare una poesia alla tua mamma, malata come la mia, la troverai qui:https://mariacavallaro.wordpress.com/2010/05/04/la-mia-poesia/

Un’icona Rok: Gianna Nannini


 

 
 
 
Musique ..
 
 
 
 
Sei nell’anima 
 
 
 
 
         
 
 
Oggi mi sento un pò rok e mi va di parlare di lei, la rok star di casa nostra, la Gianna nazionale. Fin dai suoi esordi la Nannini ha preferito il genere pop rok, un genere se vogliamo, non proprio rilassante, ma che lei sa rendere gradevole e sensuale con la sua straordinaria voce, che dai toni rochi, quasi gracchiati si estende a sonorità molto alte e levigate, quasi fosse addirittura una seconda voce. Gianna scrive poesie rok e le interpreta magistralmente, non solo con la voce, ma con tutto il suo corpo, che agile e dalle forme quasi androgine, le permette di animare il palco, sfogando la carica interiore che le deriva dalla sua musica grintosa e travolgente. Un personggio sopra le righe, una donna non proprio bellissima, schiva di ogni eleganza, restia al trucco, ci ha abituati alla sua immagine semplice e mascolina, ma ricca di carisma e di una profonda interiorità, che lei eprime a suo modo e che la tiene sulla breccia da un bel pò di anni. Dedico questo brano a quanti di voi oggi si sentono rok come me e a chi un cuore rok lo ha sempre, tutti i giorni, a dispetto delle avversità e delle sofferenze che la vita può dare, lo dedico al più rok dei miei amici e alla mia prima amica, che di sicuro ha un cuore rok!
 
 
 
  

Io mi diletto: la mia poesia


 
 
 
Evasioni
 
 
 
 
Vorresti gridare nella notte
con mute parole,
le voci che senti nella mente,
 
 
ma non ce la fai,
non puoi!
Vorresti scoprire nuovi mondi
e volare al di là,
con ali di seta,
 
 
per cogliere i fiori
 d’un giardino segreto.
 Poi, con occhi stanchi
guardi le stelle,
 
Nuit ... Lune  .... rêverie
 
scaglie di diamante
incastonate nel blu, 
 le cogli ad una ad una
e con tremula mano,
le appunti sul tuo cuore muto,
 
 
Coeur ...
che acceso
 come un faro nella notte,
ti illumina la via.
 
 
Maria Cavallaro
 
 
 
 
 
Dal 2000 in base alla legge 248: "….tutti i testi che vengono pubblicati in internet sono automaticamente protetti dal diritto d’autore. L’art. 6 della legge 633/41 stabilisce che ogni opera appartiene , moralmente ed economicamente, a chi l’ha creata .. Pertanto e’ illegale (legge 22 aprile 1941, N° 633- legge 18 agosto 2000, N° 248, copiare, riprodurre ( anche in altri formati o supporti diversi), pubblicare parte di essi se non dietro esplicita autorizzazione.. La violazione di tali norme comporta sanzioni anche penali… " L’autore scrivente: Maria Cavallaro intende avvalersi di tale legge per eventuali furti di poesie, o stralci di esse, pubblicate