Il territorio: l’Opera dei Pupi, ossia il teatro delle marionette


clip_image002
L’Opera dei Pupi è una particolare forma di teatro delle marionette che, nata in Sicilia a cavallo fra l’ottocento e il novecento, si ispira a una libera interpretazione della Chanson de Roland, della Gerusalemme liberata e dell’Orlando furioso, dei testi della tradizione carolingia, con le narrazioni delle gesta cavalleresche dei paladini di Carlo Magno.  Protagonisti dell’opera dei pupi infatti, sono Orlando, Rinaldo, Agricane, la bella Angelica ed altri eroici personaggi, le cui storie venivano narrate dai pupari che, pur essendo di cultura assai modesta, erano dei veri maestri, conoscevano i testi a memoria e ogni sera si esibivano dando voce ai loro eroi.

clip_image006
Questo tipo di teatro ebbe fortuna in un periodo storico in cui ancora non c’erano le moderne forme di divertimento e il popolino trascorreva le sue serate al teatro delle marionette, divertendosi ad interagire talvolta con i personaggi, di cui i frequentatori assidui conoscevano ormai le battute a memoria. Mi ricordo ancora di quel mattino di primavera quando con la mia scuola andammo a veder lo spettacolo, quale eccitazione quale attesa, la piccola sala ci accolse e nella semi oscurità iniziò sul palco l’animata rappresentazione: i pupi bellissimi risplendevano nelle loro fulgide armature, i loro ritmati movimenti si
intervallavano con le voci che
 
clip_image004[1]
davano fiato alle loro gesta, le rosse criniere degli elmi si agitavano senza tregua e il rumore delle spade dava grande veridicità alla scena . Noi bambini in quell’ambiente magico, avevamo quasi paura al suono di delle voci tonanti e al rumore stridulo delle armi di latta e seguivamo in silenzio e con gli occhi sgranati quello spettacolo fantastico. Sono questi bellissimi ricordi di un’arte che negli ultimi anni, esattamente dopo il boom economico, ha perso la sua attrattiva, soppiantata da altri spettacoli più moderni, ma meno epici, che godono al momento maggiori favori. Oggi l’Opera dei Pupi è diventata una tappa d’obbligo per il turismo culturale e per le scuole che portano i ragazzi ad apprendere le tradizioni antiche della nostra Sicilia. In teatro non c’è più il popolino rumoreggiante che recitava le battute insieme ai pupari e rideva grassamente alle gesta esagerate degli eroi, ma un pubblico di
intenditori, che sa apprezzare questa che è veramente un’arte.

clip_image007
Dietro a ogni compagnia c’è il lavoro minuzioso di artigiani, che si occupano dei costumi dai colori sgargianti e dalle stoffe pregiate, costruendo pupi dalle facce colorite e raffinate, dai numerosi movimenti e dalle armature scintillanti. Ma c’è pure il faticoso lavoro dei pupari che piegati sul banco di manovra imprimono i movimenti alle pesanti marionette e danno luogo a duelli e animati combattimenti.
 
clip_image008

Due sono le scuole siciliane che danno vita al teatro dell’Opera dei Pupi: la scuola catanese e la scuola palermitana, che si differiscono per l’altezza dei pupi. I pupi palermitani infatti, non superano gli ottanta centimetri e hanno le ginocchia snodate, mentre i pupi catanesi raggiungono il metro e trenta ed hanno le ginocchia rigide per agevolare i movimenti del puparo, dato il loro maggior peso. Pupari famosi sono stati Gaetano Crimi e poi i fratelli Napoli i cui eredi hanno raccolto la tradizione di famiglia a Catania, mentre ad Acireale si ricorda don Emanuele Macrì, la cui eredità è stata raccolta da Turi Grasso, che innamorato dei suoi pupi, ha aperto un teatro suo a Capo Mulini, con annesso un museo storico dei pupi, dove ancora si esibiscono brillantemente i suoi eroi. L’Opera dei Pupi Siciliani il 18 maggio 2001 è stata riconosciuta dall’UNESCO” patrimonio orale e immateriale dell’umanità”..

clip_image009

Advertisements

8 thoughts on “Il territorio: l’Opera dei Pupi, ossia il teatro delle marionette

  1. Bellissimo cara Maria, fanno parte della nostra cultura e delle nostre tradizioni, sono davvero uno spettacolo unico che ci fa tornare indietro nel tempo….sia come età che come cultura. Ti auguro una buona giornata, un abbraccio!

    Mi piace

  2. Non lo conosceva questa storia, grazie Maria ..per questo post, cosi conosco di più la vostra storia e le tradizioni e la cultura italiana.. serena giornata con sincera amicizia Rebecca

    Mi piace

  3. Ciao, ti ringrazio per questo argomento, ti ringrazio perchè, per me il teatro dei pupi come pure quello delle marionette, ha sempre rivestito un grande fascino, al quale non sono affatto immune.
    Certo dalle mie parti non c’è questa cultura, ma ricordo che da piccolo, quando raramente capitava che veniva un teatrino delle marionette, per me era fonte di gioia…… e non ti nascondo che ci andrei ancora oggi con lo stesso entusiasmo.
    Ti auguro una buona giornata, con amicizia, Vito

    Mi piace

  4. Ricordo quando bambina si andava a vederli. Ricordo il nonno che a casa
    deliziava noi bambini con i racconti di Orlando e Angelica e delle gesta dei
    cavalieri, ricordo che mimava il racconto e noi bambini stavamo a guardare
    estasiati. Non sapevo della differenza fra i pupi palermitani e quelli catanesi.
    Ancora oggi i fratelli Cuticchio tengono il teatro con l’Opera dei Pupi.
    Bello che tu abbia postato le nostre tradizioni e la nostra cultura.
    Ti abbraccio nonna Tina

    Mi piace

  5. Interessantissima tutta la tua sezione -territorio- e ricca di amore per la nostra terra. Sono certa che non ti dispiacerà se in questo momento sto stampando questo tuo post per leggerlo ai miei alunni: assisteranno ad uno spettacolo di marionette e pupi .
    Corro al lavoro
    ciaooooooo

    Mi piace

    • Grazie cara del tuo interesse per i miei post sul territorio, io li ho scritti proprio nella speranza che qualcuno li apprezzasse e sapere che tu leggerai ai tuoi alunni proprio questo dedicato all’Opera dei Pupi, mi da una grande gioia. Questo post è anche pubblicato sul sito Folkè, col quale collaboro, che tratta articoli di tradizione popolare, insieme ad un altro articolo sulla tradizione della festa dei morti in Sicilia. Buon lavoro, è bello far conoscere ai ragazzi le cose della nostra terra! Con affetto Maria

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...