Io mi diletto: La mia poesia


 

Oblio

 

Volano già nel mio cielo

uccelli migratori,

col naso per aria li guardo

fra ciuffi di nuvole

e strappi d’azzurro…..

magnifici equilibristi

sul pelo dell’aria,

perfetti nell’ordine

e nel pacato andare.

Così, verso nuove stagioni,

esuli migrano i pensieri

nel cielo dei desideri,

voli diversi nel mattino,

che immersa mi vede

nella carezza gentile dell’onda,

a dipingere d’oblio

vecchie tristezze

e pungenti malinconie,

maschere d’allegria

indossate sui visi,

a nascondere

il precoce pensiero d’autunno

che le vigne già mostrano

nei crochi

delle prime foglie secche.

Maria Cavallaro

 

fuego19

copyright-all-right-reserved

Annunci

4 thoughts on “Io mi diletto: La mia poesia

  1. Gli uccelli migratori sono come i nostri pensieri che vanno o come i nostri sogni
    che dopo un poco volano via. Aspettiamo tutti nuove stagioni certe volte arrivano altre no…un poco di malinconia. Dici tanto con questi tuoi versi, descrivi perfettamente i tanti pensieri e le tante attese di ognuno di noi. Bella come sempre
    grazie un forte abbraccio Tina

    Mi piace

  2. Cambia la stagione e i nostri pensieri si librano alla ricerca di nuovi orizzonti…nuovi lidi più caldi dove far riposare il cuore. Sempre emozionanti le tue poesie cara Maria.
    Buon pomeriggio e un bacione

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...