Stasera Halloween…ma non dimentichiamo Ognissanti e i Morti.


Halloween ... Belle image

La celebrazione di Halloween  ha origini pagane  antichissime e pone le sue radici nella civilta’ Celtica. Infatti gli antichi Celti che abitavano in Gran Bretagna, Irlanda e Francia festeggiavano l’inizio del Nuovo Anno il 1°Novembre: giorno in cui si celebrava la fine della "stagione calda" e l’inizio della "stagione delle tenebre e del freddo". L’usanza moderna di travestirsi nel giorno di Halloween, nasce dalla tradizione che i Celti avevano, dopo il rito dei sacrifici nella notte del 31 Ottobre, di festaggiare per 3 giorni mascherandosi con le pelli degli animali uccisi per esorcizzare e spaventare gli spiriti. Vestiti con queste maschere grottesche ritornavano al villaggio illuminando il loro cammino con lanterne costituite da cipolle intagliate dentro le quali erano poste le braci del Fuoco Sacro. Tuttavia la moda di festeggiare Halloween con travestimenti scherzi e dolcetti ci è giunta dall’America e si è trasformata come al solito in un business per i gestori dei locali che organizzano feste dell’horror e i venditori di dolci e zucche gialle. Le zucche intagliate infatti, hanno sostituito  in America le celtiche cipolle e l’usanza è giunta fino a noi che siamo amanti delle cose americane e l’abbiamo subito fatta nostra. L’introduzione di questa festa  laica ha oscurato da noi i contemporanei festeggiamenti religiosi di Ognissanti e dei Morti, che sono ricorrenze di origine cattolica e che in altri tempi erano molto sentite , anche se l’usanza di regalare dolci il giorno dei morti era già presente, specialmente in Sicilia.

Le tradizioni di Sicilia: “I morti

Siamo nel mese di novembre e ricorre in questo periodo la festività dei defunti, “i morti”, come si dice in Sicilia. Facendo una passeggiata in città, l’occhio mi cade su una vetrina di pasticceria dove fanno bella mostra di sè i dolci caratteristici di

clip_image001

La pasta martorana

questo periodo: pasta martorana, nzuddi, nucatoli, rame e il pensiero mi torna indietro ai tempi della mia infanzia, quando la mattina del 2 novembre tutti i bambini attendevamo con ansia i piccoli doni che, secondo la tradizione, le anime dei defunti portavano in questa giornata loro dedicata. E’ questa una tradizione antichissima, la sera di Ognissanti un’aria di mistero e di attesa aleggiava in casa, alimentata da genitori, nonni e fratelli maggiori , che si prestavano al gioco per incutere un pò di paura ai bimbi più piccoli e farli andare a letto. Ma prima di andare a dormire si preparava in salotto un tavolo dove ogni bimbo stendeva una tovaglia bianca , si “apparava” ai morti e si andava a dormire un po’ impauriti, ma con la speranza nel cuore di trovare l’indomani tanti dolcetti, frutta secca e qualche giocattolino. La mamma poi, quando tutti dormivano, provvedeva a mettere sulla tovaglia i doni, che con grande gioia i bimbi avrebbero trovato al mattino. Che buona la mostarda, la cotognata, le ossa di morto!

clip_image003Le ossa di morto o rame

Le sgranocchiavamo in compagnia e ne avanzavano per diversi giorni. I ragazzini più grandi chiedevano ai morti una pistola da sceriffo e poi si organizzavano in bande per giocare appena svegli e risento ancora nella memoria il suono dei colpi a salve sparati nell’aria del mattino e le loro grida di gioia: era veramente una festa il mattino dei morti. Le femminucce portavamo a spasso la bambola nuova, perché ai morti chiedevamo “a pupa”, per giocare alla mamma. Poi si faceva il giro dei parenti e ognuno faceva trovare qualcosa a tutti, magari una sciarpa, dei guanti, un maglioncino o le scarpe nuove. Questi erano altri tempi, quando si era felici con poco, ma in seguito la festa dei morti è divenuta un fatto commerciale e i bimbi hanno cominciato a chiedere regali costosi , bambole parlanti, biciclette di marca e a soddisfare le nuove richieste hanno pensato le fiere paesane dove le mamme e le nonne si recano per acquistare i giocattoli più belli e desiderati. Grande richiamo di visitatori fanno queste fiere, che sono tuttora un momento di incontro in tutte le città siciliane , dove si va per fare una passeggiata e dove si può acquistare di tutto. La festa dei morti come momento ludico per i bambini e di aggregazione per le famiglie, oggi è stata quasi soppiantata da Halloween e da Babbo Natale, che insieme alla Befana elargiscono regali splendidi, alimentando il mercato del superfluo. I bambini di oggi non sanno neppure di questa bella e antica tradizione e “I morti” non portano più regali e dolcetti. Le mamme moderne non alimentano più quel clima magico di attesa che, anche se impauriva un po’, dava poi tanta gioia. Credere ai morti significava essere ancora bambini ingenui, i grandicelli più smaliziati, che avevano capito il gioco, mantenevano il segreto per continuare ad avere i regali, ma sotto sotto si confidavano fra loro la scoperta e ridendo sotto i baffi si sentivano ormai cresciuti.

Annunci

11 thoughts on “Stasera Halloween…ma non dimentichiamo Ognissanti e i Morti.

  1. quanto son buoni questi dolcetti… ormai le tradizioni stanno andando perse e se ne infiltrano altre di altri popoli.. che ci vuoi fare!!!
    Buona serata con un abbraccio (F)

    Mi piace

  2. Ciao Mariaa, a volte le feste hanno origine buone, poi pian piano senza rendersi conto cambia l’origine della festa, e si aggiunge nuove usanze o si mescola con altre usanze. Io tengo la Bibbia utile, perciò una attuale giuda del nostro Creatore, e per il SUO rispetto mi tengo lontano da usanze che LUI non gradisce.. In Levitico 19:31 Non vi rivolgete agli spiriti, né agli indovini; non li consultate, per non contaminarvi a causa loro. Io sono Jahvè vostro Dio… comunque ti auguro un sereno martedì con la tua famiglia.. ti abbraccio Pif

    Mi piace

    • cara Pif nemmeno a me piace questa festa americana che abbiamo assorbito come una moda, appunto per questo ho voluto ricordare le origini religiose di Ognissanti e della celebrazione dei defunti, che purtroppo sembrano dimenticate. Auguro anche a te tanta serenità, Maria.

      Mi piace

  3. Per me niente festa straniera, sono rimasta legata alla nostra tradizione siciliana-
    Oggi i bimbi non aspettano più hanno tutto e subito ma ieri….era un tripudio di
    dolci e giocattoli. Ormai sono anni che non vado più a vedere le Fiere dei Morti
    ma so che ancora si fanno, nei vecchi quartieri si mantengono ancora le tradizioni
    di una volta. Io non andrò neanche al cimitero non posso accedere alle tombe dei
    miei cari. Metterò fiori e dirò una preghiera e come ogni anno in un piatto metterò
    la frutta di martorana, che abbiamo fatto io e mia figlia. Teniamo le nostre tradizioni
    e facciamo di tutto per non farle scomparire. Buon Ognissanti Maria, un bacio
    Tina

    Mi piace

  4. ciao maria…sì..è bello ricordare e ammatto che halloween non l’ho mai festeggiato se non con dolcetti fatti dal mio papà, gustati tutti in casa..insieme con i miei fartelli.
    ricordo però il primo anno che ero sposata..alle 11 di sera si sono presentati dei ragazzini al mio cancello…, per fortuna avevo dei cioccolatini..da offrire…
    mi è piaciuto accontentarli.
    e io ho ricordato maggiormenete i nostri defunti…con la santa Messa e la visita al camposanto…lo farò anche domani….
    un abbracccio cara amica…a dolce festa..mamy

    Mi piace

  5. Dolcissimo il nostro ricordo comune della Festa dei Morti, da bambina era la mia preferita dopo il Natale. Un vero peccato che a molti bimbi di oggi venga impedito di essere semplicemente bambini, li si vorrebbe già grandi e smaliziati ma così facendo li si priva di tutti quei bellissimi sogni che hanno aiutato le generazioni passate a crescere meglio. Buona Festa mia dolcissima amica, un abbraccio

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...