Archivio | dicembre 2011

Aspettando il 2012


 

gif-animate-buon-anno-nuovo_21[6]bicchiere[4]

gif-animate-buon-anno-nuovo_216

Colorful_2012_Happy_New_Year_with_Balloons

Un altro anno è trascorso in vostra compagnia, grazie di esserci stati! Quest’anno non voglio fare bilanci, per me è stato un anno bello, voglio infatti guardare solo le cose positive, le negative grazie a Dio le ho superate. Spero che il prossimo anno sia per tutti un anno di pace, salute, amore  e lavoro, queste sono le cose che servono e l’una è indispensabile all’altra. La crisi direte voi? E’ una crisi come tante altre, ce la faremo anche stavolta. Vi abbraccio con tutto il mio affetto e vi auguro di realizzare i vostri sogni e vivere le più belle emozioni  che la vita vi possa regalare. Auguri di cuore

                                            

buon%20anno%20gif%20happy%20new%20year%20glitter%2043[3]

Io mi diletto: la mia poesia


2ieydnukkxe[3]

6c9ffacb[4]

Sogno di Natale

Ho ripescato un sogno
per caso,
nel lago della notte
e gli ho gridato
il mio ultimo buon Natale,
mi ha detto grazie,
ma così piano…
pareva un sogno
senza fiato
e mi chiedo ancora
se m’abbia sentito,
se era vero,
o me lo sono inventato.
Ma io lo so
che era un sogno dorato,
un sogno
tante volte sognato,
tante volte svanito
nel lago della notte,
senza avermi sentito,
incurante d’un pianto
che scende salato
su un ricordo antico
mai dimenticato.

Maria Cavallaro

fuego19[3]

copyright-all-right-reserved

Io mi diletto: La mia poesia


 

f_nat_115

2a0ibtd

 

Controluce

Al di là
delle mie penombre
guardo
squarci d’orizzonte
dove si respira la festa
nelle luci di città pagane
e chiedo ai miei silenzi
di farmi compagnia,
mentre i doni attendo
sotto l’albero
che non c’è.
Si accende il calore
nel camino,
dove al buio
crepitano
asciutti i  ciocchi
e nel profumo d’incenso
si staglia il tuo profilo.
Tu, magnifico dono
controluce mi appari
e di scintille
si vestono i pensieri,
regali della mente
che adagio
fra le tue braccia protese.

Maria Cavallaro

fuego19[3]

copyright-all-right-reserved

Io mi diletto: La mia poesia


al8vyb9r

110259

Atmosfere

Ricami di luna
sulla pelle nuda,
profumi d’oriente
misti a fumi d’incenso.
Atmosfere
respiriamo nella penombra
vestita di vellutati silenzi….
Viviamo di attimi immortali
come fossero gli ultimi,
nel nostro divenire
unico nodo di mani
che si cercano sapienti.

Maria Cavallaro

fuego19[5]

copyright-all-right-reserved

Io mi diletto: La mia poesia


1782038gg3ir89zi6

amanti-nella-cascata

Promesse

 

Su un mare di zaffiro
si dondola
una luna di perla
e come briciole di stelle
nascono i desideri.
Sento il cuore
vestito a festa
e respiro
il tuo calore
nell’abbraccio
che promette amore.
Alti voliamo
fra le nuvole e il cielo,
abbiamo spento il tempo,
viviamo l’eternità
nell’attimo d’un bacio
che avido si rinnova
e par non aver fine
sulle labbra,
mentre guardo
i tuoi occhi vicini
e lì mi sciolgo.

Maria Cavallaro

fuego19[3]

copyright-all-right-reserved

Occhio alla crisi!


09_02_1958_anteriore

Io non mi interesso tanto di politica, ma mio malgrado sento il vociare dei media che riportano ogni pio sospiro di questo nuovo governo tecnico e soprattutto sull’operato del suo presidente del consiglio Monti, mostrato come un Robin Hood all’incontrario, che toglie ai poveri per salvare i ricchi, tanto i poveri restano sempre poveri e non rischiano nulla, mentre i ricchi potrebbero diventare un pò meno ricchi e sarebbe drammatico qualora dovessero rinunciare a qualcuno dei loro privilegi. La nostra povera Italia mi sembra una caravella alla deriva, combattuta a colpi di spread, sfaceli in borsa e talk show inviperiti. I politici che contestano il nuovo governo tecnico non mettono in conto il fatto che se abbiamo i tecnici al governo è per sanare i risultati della loro inettitudine e appena il professore lancia uno strale per l’adeguamento degli appannaggi alla media europea, apriti cielo , non ne vogliono sentir parlare… ragazzi cinquemila euro in meno!!!!!potrebbero rischiare di attraversare la soglia di povertà. Cinquemila euro non sono altro che cinque mesi di stipendio di quei fortunati che un lavoro, anche se di cacca lo hanno, perchè ci sono anche quelli che non lo hanno un lavoro, nemmeno per meno e vivono di espedienti a carico di nonni e genitori. E se poi i nonni muoiono? Non ci voglio pensare, tutti questi giovani senza lavoro, senza speranza e senza certezze, hanno paura a metter sù famiglia perchè  non sanno come fare a crescere un bambino che ha bisogno di tante cose e allora rimandano a tempi migliori, ma quando verranno questi tempi migliori? Penso che stiamo raschiando la botte, è una impresa ardua questa manovra, come una coperta piccola per un letto troppo grande, hai voglia a tirarla, risulta sempre corta da una punta. Alla manovra del governo corrispondono infatti tante mini manovre nelle famiglie, chi aveva due macchine ne toglie una e spolvera la bicicletta, la spesa si fa con più oculatezza e i carrelli al supermercato non sono più pieni come una volta, anche sul vestiario si risparmia, ci si ricorda dei capi che sono ancora buoni, ma che non si mettono da un pò di tempo e si scopre che si possono ancora utilizzare, si rimandano le spese per la manutenzione ordinaria delle abitazioni, si ritorna a farsi la pizza in casa, insomma per far quadrare i conti si diminuiscono i consumi con un risvolto che si ripercuote sulle aziende, innescando un  circolo vizioso che si scarica poi sulla crescita del paese…il classico cane che si morde la coda…Io sono nata nel 1952 l’Italia usciva dal dopoguerra e abitando in campagna ricordo che nel periodo natalizio di notte passavano i ladri di galline a ripulire i pollai, con grande disperazione delle massaie che allevavano i capponi da mangiare durante le feste. Oggi che i pollai non ci sono più, cosa mangeranno a Natale questi poveri ladri?

20111118221100-2011-89604-NDP

Io mi diletto: La mia poesia


16

nativita_part

Il manto

A un passo dalla luna
guardiamo il cielo
sudare stelle
nella Notte Santa
e viviamo il mistero
d’una grotta felice
dove spunta la vita
del dono che salva.
Stringe un nodo
la gola
che in un canto di gioia
si leva
e di lacrime
un rivolo scende
a bagnare il manto
della madre,
che nel suo dolore di donna
un figlio ci diede.
E piange nella paglia
il frutto del divino amore,
salvifica speranza
di umanità perduta
che nel suo sangue
si rinnova.

Maria Cavallaro

fuego19[3]

 

copyright-all-right-reserved