Io mi diletto: La mia poesia


16

nativita_part

Il manto

A un passo dalla luna
guardiamo il cielo
sudare stelle
nella Notte Santa
e viviamo il mistero
d’una grotta felice
dove spunta la vita
del dono che salva.
Stringe un nodo
la gola
che in un canto di gioia
si leva
e di lacrime
un rivolo scende
a bagnare il manto
della madre,
che nel suo dolore di donna
un figlio ci diede.
E piange nella paglia
il frutto del divino amore,
salvifica speranza
di umanità perduta
che nel suo sangue
si rinnova.

Maria Cavallaro

fuego19[3]

 

copyright-all-right-reserved

Advertisements

7 thoughts on “Io mi diletto: La mia poesia

  1. Buon giorno cara Maria, ti ho un pò trascurato nei ultimi giorni, ma sono arrivato nel tempoper leggere questa bellissima poesia dedicato al Gesù il figlio del nostro Creatore.. Credo che anche il nostro Creatore sia comossa da questi pensieri… ti abbraccio e ti ingrazio per averla condivisa con noi.. come sempre in sincera amicizia Rebecca

    Mi piace

  2. Stupenda questa poesia Maria, vibra di sensazioni dolcissime ma fa anche riflettere su quale sia il vero significato di questa festa che ultimamente la società tende a trascurare. Un abbraccio!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...