Archivio | marzo 2013

Io mi diletto in cucina: A cuddura ccu l’ovu


05_pasqua[3]

DSCN1925

Oggi ho fatto “ i cudduri ccu l’ovu” il dolce caratteristico della Pasqua siciliana. Il suo nome cambia a seconda della provincia, ma la pasta del biscotto è uguale. A cuddura ha varie forme, la campanella, la colomba, il canestro, il cuore e contiene uno o due uova sode. Ho impastato un Kg di farina 00 con sei uova, 400 gr di zucchero semolato, due etti di strutto, un limone grattugiato, venti gr di ammoniaca per dolci e un pizzico di sale e ho tirato una sfoglia spessa poco meno di mezzo centimetro, dalla quale ho ritagliato le varie forme. Poi ho fissato le uova con una striscia di pasta, ho spennellato con l’uovo e ho guarnito il dolce con le codette di zucchero. Ho infornato le cuddure in forno caldo a 180 gradi per mezz’ora, hanno preso un bel colorito rosato, domani le avvolgerò in carta trasparente e le regalerò il giorno di Pasqua. Mi sono divertita tanto a preparare le cuddure, un dolce che facevano le nostre nonne, nei forni a pietra e che sprigiona in casa un buon odore di biscotti. 

DSCN1927

DSCN1928

Alla cuddura tradizionale, interamente fatta in casa con la pasta di biscotto, se ne aggiunge un altro tipo industriale che si costruisce assemblando i vari elementi con le uova e guarnendo con frutta di pasta martorana e colombine. Questa cuddura è proprio un bel vedere coi suoi colori e le belle forme della frutta martorana , vanto dei pasticcieri siciliani, che sono bravissimi nel realizzare e dipingere questi frutti buonissimi che sembrano veri.

04042010184

colomba[3]

Io mi diletto: La mia poesia


 

 

barrafloresctv15a[3]

 

animadelcuorelunauq6

 

Momenti di giovinezza

Tutto ritorna
sbiadito,
risvegliando sonori accordi
in questo incontrarci
su una nebulosa d’argento.
Uguale il tuo sorriso,
trascina la mente
in aure velate
di giovinezza sfuggita.
Polvere di sogni infranti,
ricopre
attese triturate dal tempo
e la malinconia del ricordo
corrode
momenti tessuti
sulla trama dell’anima,
dove uguale si specchia
solo la vecchia luna d’allora.

Maria Cavallaro

buona_pasqua_08

copyright-all-right-reserved

Oggi è la giornata mondiale dell’acqua


fiume-sangro-finale

Si celebra oggi la Giornata mondiale dell’acqua. Secondo il WWF sono insostenibili le pressioni dell’uomo sulle risorse idriche e negli ultimi 100 anni sono scomparsi il 60% delle zone umide. La carenza idrica è un fenomeno preoccupante che riguarda almeno l’11% della popolazione europea ed il 15% del territorio dell’Ue. Per non parlare poi del terzo mondo, dove la carenza d’acqua è un dramma di sempre e un pozzo per la gente significa la vita. Su un totale di 1,4 miliardi km cubi di acqua disponibile sul Pianeta solo il 2,5% (35 milioni di km cubi) è costituito da acqua dolce, di cui solo meno dell’1% e’ potenzialmente utilizzabile dall’uomo. Purtroppo noi che abbiamo questo bene prezioso, continuiamo a usarlo in modo sconsiderato, andando incontro a una emergenza idrica che potrebbe essere scongiurata grazie a degli interventi di prevenzione atti a salvaguardare il nostro patrimonio.

529961_410622422295556_100000434067158_1515720_967317510_n

Bentornata primavera!


images

RISVEGLIO. 

La primavera
si desta, si veste,
corre leggera
per prati e foreste.
Guarda un boschetto,
c’e’ già l’uccellino.
Guarda la neve,
già corre il ruscello;
viene l’agnello
si china e ne beve.
Guarda il campetto
già il grano germoglia.
Tocca un rametto,
ci spunta una foglia.
Canta l’uccello
nel folto del rovo:
Il mondo è bello
vestito di nuovo.
(R. Pezzani)

Tante primavere sono passate, da quando bambina studiavo questa filastrocca sulla primavera, sono di quelle cose che restano incise nella memoria, che ritornano piacevolmente, portandosi dietro ricordi e immagini sepolte dalla polvere del tempo, ma che al primo soffio ritornano brillanti e colorate, proprio come la primavera che ritorna coi suoi canti e i suoi colori ad allietare la terra, che esce brulla dai rigori invernali.

e-il-ventunoe-primavera-L-aOX1MW

La sabbia, il dono dell’Etna… se fosse oro…


Nessuno può capire il senso di angoscia che provoca una fitta sassaiola che piove dal cielo per mezz’ora, ricoprendo di un manto nero spesso tre centimetri tutte le superfici piane… ebbene sì , ieri sera l’Etna ci ha fatto un altro dei suoi regali, stavolta è venuta giù una sabbia grossolana mista a sassolini grossi come mandorle e anche più. Io credevo fosse grandine, dal rumore scoppiettante , invece erano proprio sassi, tonnellate e tonnellate di sassi che non sappiamo come smaltire, è una calamità naturale che lo stato non ci riconosce, che porta conseguenze all’agricoltura, alle abitazioni e alla salute, ostruisce le grondaie e i tombini, sporca ogni cosa e resta per anni nell’ambiente. Stamattina il paesaggio è apocalittico, i tetti sono coperti di nero e un polverone incredibile si leva dal selciato al passaggio delle macchine. Siamo avviliti! oggi non è una buona giornata e il tempo minaccia pioggia, se piove sarà ancora peggio, la sabbia bagnata diventa pesantissima e collosa, impossibile da rimuovere per giorni e andrà inevitabilmente a intasare tutte le condutture. Io abito a duecento metri dal mare e la sassaiola è giunta fittissima, ma di proporzioni modeste, invece a Zafferana, che si trova ai piedi dell’Etna, sono stati trovati sassi della grandezza di una mano.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

LA STRADA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

I SASSI

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

IL MIO TERRAZZO

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

IL TETTO e  LA RACCOLTA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

IL MUCCHIO

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

LE BUSTE

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Io mi diletto in cucina: Le reginelle


9rltgsx0DSCN1909

Oggi ho preparato le reginelle, o biscotti con la “ciciulena”, una preparazione facile facile, dal risultato gradevole e sfizioso. Si possono comprare in tutti i panifici, o al supermercato, ma farli in casa è un’altra cosa, basta un pò di pazienza. Per fare le reginelle ho impastato mezzo chilo di farina 00 con tre uova, un etto di strutto, due etti  di zucchero e dieci grammi di ammoniaca per dolci, ho ottenuto un impasto morbido e liscio, ho formato una palla che ho fatto riposare per una trentina di minuti avvolta nella pellicola. Ho fatto dei cordoni di pasta lunghi una ventina di centimetri che ho rotolato nel sesamo e ho tagliato a tocchetti. Ho sistemato i tocchetti su una leccarda con carta forno, distanziandoli un pochino perchè aumentano di volume lievitando e li ho fatti cuocere in forno preriscaldato a 180 gradi per 25/30 minuti. Il risultato è assicurato, sono una dolce tentazione, uno tira l’altro.

dreamstime_1517183612

Ritratto di Sicilia


 

 

 

Oggi c’è freddo nel sole di marzo, che immerge i suoi raggi nelle ali del vento e gela il vestito della primavera! Goffi i passeri, arruffano le piume volando controvento e le nuove gemme attendono timide qualche altro giorno prima di aprirsi. Guardo le mie viole, sfidare coraggiose il vecchio inverno, che si attarda trascinando la sua barba gelata sulle aiuole impazienti di rifiorire e il mandorlo, che affida al vento le sue piume. Fra tanto brulicare di vita nuova, mi urge dentro una voglia di mare, mentre respiro l’odore di salsedine che mi giunge dalla scogliera.

Maria Cavallaro

Io mi diletto: La mia poesia


10

213rjwm

Lividi

Riaffiorano
sotto la pelle del cuore,
quei lividi,
ormai scomparsi,
ma ancora dolorosi,
necrosi dell’animo,
marchio infame
di donna abusata,
che ha scordato
carezze di mimose.
L’anima mia ferita
si rotola
nel sale dei ricordi,
dove tutto si allontana
sotto la coltre del tempo,
bucata
dai miei silenzi,
bagnata
dalle mie  lacrime,
graffiata
da unghie impotenti,
affondate
in uno sguardo senza luce.

Maria Cavallaro

fuego19[3]

copyright-all-right-reserved

 

 

 

 

 

 

Grissini che bontà!


 

 

 

DSCN1908

 

Vi piacciono i grissini? Io li adoro e vado sempre in cerca dei panifici che li fanno buoni per acquistarli, mi piace il loro odore di pane, la croccantezza che li fa scricchiolare, sono una piacevole compagnia, infatti chiusi nel barattolo di vetro si conservano per alcuni giorni. I grissini sono un piccolo mistero, così lunghi e sottili e curiosando fra i blog di cucina ho trovato la ricetta per farli con il lievito madre. Ma io il levito madre non ce l’ho e per ottenerlo ci vogliono quindici giorni, allora ho pensato ad una scorciatoia e mi son fatta regalare un pezzetto di pane in pasta dal mio fornaio, l’ho conservata per un giorno intero fuori dal frigo e coperta con la pellicola. A tarda sera era già molto lievitata , ne ho presa 150 gr. e l’ho impastata con 250gr di farina 00, un cucchiaio di olio di oliva 5 gr di sale e un cucchiaino di miele aggiungendo acqua q.b.Ho lavorato l’impasto per una decina di minuti e poi l’ho messo in una ciotola coprendolo con un panno umido. Ho riposto la ciotola dentro il forno a microonde spento per tenerla al riparo da correnti d’aria. Stamattina la pasta era molto lievitata, l’ho tirata col mattarello e al centro della striscia ottenuta ho tritato due scalogni, ho ripiegato in tre la pasta e l’ho fatta lievitare ancora un pò. Un’altra parte della pasta l’ho tirata e l’ho piegata semplicemente. Poi ho tagliato  la pasta a strisce di un centimetro e tirandole un pò le ho allungate arrotolandole a spirale e le ho messe sulla leccarda con la  carta forno dopo averle passate su un piatto leggermente unto di olio. Con lo stesso sistema ho ricavato gli altri grissini che ho immerso velocemente nell’acqua e ho rotolato nei semi di sesamo. Ho infornato a 200 gradi nel forno preriscaldato per mezz’ora e questo è il risultato… una vera bontà, croccanti e profumati sono andati a ruba…

chef