Insufficienza venosa, il nemico delle gambe


imagesCA6D25ZR

gambe

L’ insufficienza venosa cronica è una malattia subdola, che ti divora piano piano le gambe, creando non pochi problemi, soprattutto durante la stagione estiva. Io ci convivo da oltre dieci anni , da quando ho avuto il primo episodio di tromboflebite, in seguito al quale la mia gamba sinistra è entrata in sofferenza. La malattia infatti, mi ha provocato un danno permanente all’apparato valvolare, con conseguente reflusso di sangue venoso, ma nel periodo estivo anche l’altra gamba per così dire sana, risente del caldo e mi dà i suoi problemi. Il sintomo  più comune è il gonfiore , che si accentua ai primi caldi, soprattutto nelle ore serali, con conseguente pesantezza e sensazione di prurito, determinato da una infiammazione della superfice cutanea che si presenta poco omogenea, arrossata e molto delicata. Basta infatti un piccolo urto e  l’escoriazione può trasformarsi in un’ulcera quanto mai  fastidiosa e difficile da risanare. Per curare la mia malattia assumo dei Cumarinici che mi tengono il sangue fluido, evitandomi i tanto dolorosi episodi di tromboflebite, ai primi caldi prendo delle Diosmine, sotto forma di integratori alimentari, sfruttando gli effetti benefici del mirtillo nero sul microcircolo. Per la secchezza della pelle, che tende a squamarsi in quanto poco nutrita, adopero degli oli e delle creme per il corpo, che danno un certo sollievo. Sarebbe utile indossare delle calze elastiche, ma d’estate risultano per me un pò complicate, dal momento che vado al mare e riposo il pomeriggio, quindi dovrei metterle e levarle tante volte al giorno e non è semplice. Dal mare traggo un grande beneficio, infatti il nuoto e l’acqua fresca attutiscono gli effetti del caldo, dandomi non poco sollievo, così vado al mare tutte le mattine e nei giorni più caldi anche al pomeriggio. Possono essere utili anche delle camminate di almeno mezz’ora a passo sostenuto e  senza tacchi, oppure la cyclette e tenere un cuscino sotto il materasso, in modo che durante il riposo le gambe restino più alzate rispetto alla testa. Insomma, per contrastare l’insufficienza venosa ci vuole movimento, costanza nelle cure e uno stile di vita sano, non si guarisce, ma si soffre un pò meno e si rallentano gli effetti devastanti che il progredire della malattia provoca.

circolazione

Annunci

2 thoughts on “Insufficienza venosa, il nemico delle gambe

  1. E lo sò…..da qualche mese ha iniziato a darmi problemi la gamba destra, probabilmente a causa di un trauma sotto il ginocchio abbastanza esteso…..per ora non prendo nulla come medicinale ma sto adottando gli accorgimenti di cui hai parlato anche tu ed notevolmente migliorata…..poi da sabato prossimo andremo al mare una settimana e sono convinta che le camminate al mattino presto nell’acqua faranno davvero bene! Buon sabato!

    Mi piace

  2. Io ci convivo da oltre 40 anni e per me caldo o freddo il gonfiore c’è sempre e spesso piccole flebiti
    calze elastiche tutto l’anno ogni giorno due ore con le gambe sollevate e quando c’è una flebite in corso borsa col ghiaccio per lenire il dolore e il bruciore…Una volta facevo passeggiate in acqua sopratutto al mare ora non posso farlo più. Riguardati cara….baci….Tina

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...