Il merlo di città


 

 

 

DSCN2668

 

 

merlo_bacca

 

Con il costante aumento del numero delle gazze in campagna, i merli, per sfuggire alla loro ingordigia che li induce a divorare le uova e i piccoli di tante specie di uccelli provocandone la diminuzione, si sono trasferiti negli agglomerati urbani allietando con i loro canti i cortili e le villette di città. Ecco perché sul rampicante che cresce copioso nel mio cortile, ho notato il via vai  di mamma merla che trasportava fra il becco grandi boccate di erbe secche e in men che non si dica ha preso forma il nido, costituito da un’ enorme quantità di materiale appoggiato su un incrocio della pianta. Speriamo che la signora merlo non si senta disturbata dalla nostra presenza nel cortile e covi in tranquillità le sue uova, il posto è tranquillo, lontano dai gatti e dalle gazze, nascosto dal fogliame, così fra meno di quindici giorni le uova si schiuderanno e sentiremo il pigolio dei piccoli merli. La natura è madre di sé stessa e riesce ad adattarsi alle nuove condizioni ambientali, tanto da indurre questi uccelli da sempre abitatori dei boschi e delle campagne, a spingersi fra gli uomini, nella speranza di trovare un posto tranquillo per perpetuare la loro specie, sfuggendo allo scempio provocato da una razza protetta e in grande espansione e allietando le nostre mattinate e i pomeriggi col loro canto melodioso.

 

DSCN0322

 

 

 

 

Advertisements

3 thoughts on “Il merlo di città

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...