Archivio | febbraio 2016

io mi diletto: La mia poesia Avanzi


 

Gisella-Patorniti__L-unione_g

Ho percorso

le dune della mente,

ho triturato avanzi di tempo

e ho bevuto temporali d’autunno.

Quante sere

in cui ho guardato

la solitudine della luna

adornarsi

delle chiome degli alberi,

ignorando il dolore

come appartenuto a un’altra vita.

Eppure lì ho giaciuto

complice delle mie attese

e mi sono levata,

non era ancora il tempo

di rimanere,

allora,

ho attraversato i suoi occhi

come se fossero

le porte del mare.

Maria Cavallaro@

 

Annunci

L’uomo nel barattolo


 

 

 

Young man trapped in a glass jar on a city street

 

Il legislatore dovrebbe essere il garante della res pubblica, ma la ricerca del bene pubblico è stata surclassata dalla spasmodica ricerca del bene personale e ciò ha permesso il dilagare della corruzione e quindi la morte del bene comune e l’ammalarsi dell’ambiente. Noi siamo ridotti a vivere immobili e stretti come dentro barattoli di vetro infrangibile, chiusi insieme alle nostre cose e a ciò che resta dei nostri patrimoni. Guardiamo fuori dalla parabola di vetro che ci imprigiona, ma non possiamo più interagire alla ricerca del nostro tornaconto, i nostri soldi, non fruttano più e diminuiscono di giorno in giorno, le nostre case si svalutano e nessuno le vuol comprare, le borse e le banche sono in crisi. Se per investire i soldi volessimo comprare altre case, lo stato ci divorerebbe con le tasse che non possiamo più pagare e restano anche esse infruttuose perchè le persone non possono pagare gli affitti, il lavoro per i giovani non c’è, le pensioni sono nel mirino del governo che si rifà sempre sulle fasce più deboli che non hanno voce in capitolo, la volontà della maggioranza, intesa come la somma delle volontà individuali non esiste più. Ci sentiamo scoraggiati e la popolazione invecchia perché dobbiamo anche ridurre al minimo i figli , praticamente ci hanno rubato anche i frutti dell’amore. Viviamo in un clima di paura perchè i latrocini comuni sono all’ordine del giorno e la legge dello stato è assente, la gente vuole armarsi, ma dentro il barattolo di vetro i proiettili ci rimbalzano addosso e chi spara per difendersi si mette nei guai. Non siamo messi bene, rischiamo anche l’estinzione e stiamo uccidendo il pianeta. Ci resta solo la speranza che la storia è fatta di corsi e ricorsi, ma è solo una speranza!

 

 

 

Io mi diletto: La mia poesia Ultimi giorni


 

26157c

Silhouette of pregnant woman

 

Abbraccio

questo breve tempo,

questi giorni ad uno ad uno,

li nutro di emozioni pudiche

e di pensieri che bevono il futuro.

Piroetta la mente

negli spazi della fantasia

e il cuore gronda di gioia

quando il pensiero

galleggia,

in solitaria su questo mare.

Maria Cavallaro@

v6bgc112uo3

Io mi diletto in cucina: Le melenzane a fisarmonica


 

 

 glitter-graphics-tea-517926

20160215_115421

Il bello di abitare in un paesino dove tutti si conoscono è quello di avere tanti amici e tanti vicini affettuosi coi quali condividere delle buone cose. Oggi ho ricevuto in dono questi bei pomodori, dei cetrioli e delle belle melenzane di cui una di quelle lunghe. Mi è venuta subito l’idea di provare una ricetta che conservavo da tempo: le melenzane a fisarmonica.
Ho lavato la melenzana e l’ho affettata per lungo a fette di un cm un pò obliquamente avendo cura di non tagliare fino in fondo tenendo unite tutte le fette, ho salato l’interno e l’ho farcita con fettine di provola, pomodori e capicollo. Avrei dovuto mettere scamorza e prosciutto cotto, ma non ne avevo e allora ho voluto sperimentare con quello che avevo in casa. L’ho adagiata sulla teglia, ho salato appena l’esterno e l’ho nappata con un filo d’olio d’oliva. L’ho poi cotta in forno caldo per 50 minuti a 200 gradi. Veramente una bontà da provare!

20160215_115942      20160215_134548

20160215_140703

 

Carrellata di carnevale


untitled

Non c’è festa più colorata del Carnevale, perché il colore è gioia e allegria. Rappresentare il carnevale in un quadro o in un disegno, è racchiudere l’arte nell’arte, perché le maschere, i carri, gli addobbi sono già delle forme d’arte che richiedono perizia e manualità.

pierrot-e-le-maschere-pierrot-and-masks-cristina-crestani-2f84c110dipinto-quadro-pierrot-345_LARGE

Renoir-Pierrot_blanc

Tiepolo Carnevale Venezia maschere-veneziane

Arlecchino-400

Mattino di febbraio


 

fiori_glitter_violeViolets,_sweet_violets_,_by_John_William_Godward

Mi abbraccia questo tempo instabile ed io sto qui a guardare il cielo e queste code di nuvole che frustano ogni strappo d’azzurro. Goccioline minuscole si fermano tra i capelli, ma sono talmente piccole che non hanno nemmeno la forza di bagnare, eppure si sente questa specie di brivido che sa di pioggia, mentre le voci del mondo hanno qualcosa di frettoloso, come quel passero che beve alla pozzanghera e poi, al minimo rumore, fugge spaventato sbattendo le alucce convulsamente, in modo quasi disordinato, come se la paura gli impedisse di prendere il ritmo.

il-linguaggio-dei-fiori-la-viola-del-pensiero-L-uZ1oXk

 

E’ una mattina qualunque di febbraio che sa già di viole e di mare ed io navigo nei miei pensieri accarezzando la speranza che mi riempie il domani e il cuore e indugio in questo abbraccio sognando.

Raoul-De-Longpre-Violets-in-a-Glass-Goblet