Archivio | luglio 2017

La mia poesia Virgole


 

 

 

Virgole nel cielo questi gabbiani
che racchiudono il silenzio
in un battito d’ali,
scendono a sfiorare l’azzurro
specchio della loro anima inquieta
e della mia,
allorchè mi abbandono
alla culla dell’onda gentile
che lambisce i miei pensieri,
come conchiglie spiaggiate
dalla marea.

MC@

 

 

Pensieri dal di fuori


14721602_879481035515729_1209094367935306947_n

Mi invento, fra bagliori di luna a metà e corse di lampioni fra gli alberi, m’invento nel pianto d’un bimbo, nei fiori d’un prato, nell’onda che mi bagna i piedi e si ritrae in silenzio. M’invento nella notte, nel fruscio di lenzuola di seta, nei lontani rumori, nel sibilo d’una penna che scrive, questa non sono io, mi invento, per guardarmi da fuori e stupirmi un pò di questo mio essere diversa dentro. Così vorrei essere, libellula su un prato, rosa di settembre, vela senza paura e annaspo respirando marosi, accucciandomi nel desiderio di farcela.