La mia poesia: Pescatori


a00bd768d33342acb344c95d5e9a7c10

 
henry-Asencio-570x356

Langue e si trascina
furba di giorni che si piegano
sulle albe rosee
e sui rossi tramonti,
è la vita che ci segna
di solchi lungo il viso
e ci rende tutti pescatori.
Qui
accoccolata su di me
ho paura del mio silenzio,
mentre rumoreggia la giostra
e si veste di attese
l’alba sul cuscino.
Apro gli occhi nel tuo respiro
tranquilla ti sfioro
è già domani
anche per noi.

Maria Cavallaro@

 

Book-and-Rose-Art-Wallpaper-PC

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...