Archivi

Fiori di novembre


 
 01nov2016home
cristantemi-fiori-novembre-1024x571
Sale nell’aria mesta
odor di cannella
e chiodi di garofano
e il cielo triste
lascia cadere nel mattino
le sue lacrime pesanti.
Oggi festeggiamo i santi
e occhieggiano qua e là
fiori di novembre,
odorosi e croccanti,
colorati e soffici,
per i morti un pensiero
a rallegrar le vie del cimitero.
MC@
 

 

Annunci

Visione d’autunno


 

 

Mi sciogliero’ nel vento

Come ala di gabbiano

E di sogni riempiro’

Cornucopie di nuvole

Che  si intingono soffici

In questo mare,

Di giada e lapislazzuli

E luccica d’argento

trafitta da un raggio di sole

L’onda pigra,

Dove lontana va

La vela

Navigando il silenzio

Nel vento che spira

Tra le tele antiche,

Maestre di solitarie rotte

Adagiate sul petto dell’orizzonte.

MC@

Immagine correlata

Tempo d’estate


Creddy20

 

 

 

 

Sento sulla pelle

Il calore del tempo d’estate

e srotolo gomitoli  di pensieri

sulla battigia dell’anima

dove giacciono,

essiccati resti di vissuto,

come legni lustrati dall’onda

che si ripete infaticabile

tra ciottoli e conchiglie,

lisciando i granelli di sabbia.@Mc

e811c-divider2bflowers2band2bribbons

 

 

La mia poesia Virgole


 

 

 

Virgole nel cielo questi gabbiani
che racchiudono il silenzio
in un battito d’ali,
scendono a sfiorare l’azzurro
specchio della loro anima inquieta
e della mia,
allorchè mi abbandono
alla culla dell’onda gentile
che lambisce i miei pensieri,
come conchiglie spiaggiate
dalla marea.

MC@

 

 

Aria d’estate


Creddy20

giugnoimm

 

Nell’aria sbiadita
si dissolvono odori
di papaveri nel grano
macchiati di surfinie
e di caffè.
Immobile sento
i sudori che salgono
e l’arsura.
Poi sulle ali di uno spiffero
aspetto il raffreddarsi
dell’immenso
che brilla nella luna
quando è sera.

MC@

 

0qaqemvpzdg

 

 

Io mi diletto: La mia poesia Brividi nascosti.


Cieli annoiati
e baruffe di nuvole bianche
pendono
sui magri rami
d’un ciliegio in fiore,
rosa,
come l’ amore
nel mattino,
intreccio di sorrisi e sguardi d’amanti,
adagiati su un prato
molle di margherite e di rugiada,
a catturare
brividi nascosti
sulla pelle ansiosa
e fili d’erba fra le labbra rosse.

@MC