Archivi

Pensieri nel vento


008-001
46449336_558941781248079_6394435369999269888_n

Sferza il vento questi pallidi raggi di sole che lottano con le nuvole impazzite e mulinanti e ha fatto scioglier la neve a bassa quota. L’Etna cambia aspetto da una mattina all’altra, oggi appare scura, solo la parte sommitale conserva il mantello bianco, stanotte è stato avvertito anche un piccolo terremoto. Non amo i giorni di vento, la mia testa corre dietro ai rumori degli oggetti all’esterno, tutto si muove trascinato, cadono le piante e nel cortile è il caos: terriccio e cocci rotti, recipienti per annaffiare, foglie secche portate da chissà dove, tutto si abbandona alla forza dell’aria che si scatena , mossa da una forza primordiale che urge e fischia con un sibilo che pare quasi di scherno per noi mortali. Sbattono le porte e una tenda vola, magica vela si solleva fin quasi a sfiorare il lampadario, mi alzo di corsa e vado a chiudere la porta e mi sembra quasi di vedere le raffiche addossarsi sulla lastra di vetro l’una sull’altra facendola rumoreggiare sinistramente. Ma anche nel vento e nella neve la natura si prepara a fiorire e presto dimenticheremo il vento quando primavera siederà sul suo trono e per noi dipingerà i giorni a venire.

 

e7af17cafbb071a8a7abb4de7cb3bc08--christmas-art-vintage-christmas

Annunci

Capodanno, che cos’è?


 

buon-anno-2019-engiel.com-12

 

cenone_capodanno_2018

 

Anche quest’anno è andata, è avvenuto l’atteso traghettamento da un anno all’altro, con cenoni ricchissimi, auguri , baci e abbracci, in un banale rituale che si ripete ogni anno, ma non ha una significato vero e proprio, perché l’anno neonato è uguale al vecchio, con le stesse criticità, gli stessi problemi , non ci si sveglia il primo gennaio con una pelle nuova, è tutto come prima, con montagne di cose da lavare e resti da smaltire. Eppure, sarebbe triste andarsene a letto senza aspettare questo annuale passaggio, l’uomo vive anche di illusioni, effimere quanto vuoi, ma che per un attimo gli fanno dimenticare le sue fragilità. Mi piace riportare il pensiero di Antonio Gramsci, che seppur in modo più deciso e incontrovertibile , si accosta la mio modesto sentire.

“Ogni mattino, quando mi risveglio ancora sotto la cappa del cielo, sento che per me è capodanno.
Perciò odio questi capodanni a scadenza fissa che fanno della vita e dello spirito umano un’azienda commerciale col suo bravo consuntivo e il suo bilancio e il preventivo per la nuova gestione. Essi fanno perdere il senso della continuità della vita e dello spirito. Si finisce per credere sul serio che tra anno e anno ci sia una soluzione di continuità e che incominci una novella istoria e si fanno propositi e ci si pente degli spropositi, ecc. ecc. “
…….”Perciò odio il capodanno. Voglio che ogni mattino sia per me un capodanno. Ogni giorno voglio fare i conti con me stesso, e rinnovarmi ogni giorno. Nessun giorno preventivato per il riposo. Le soste me le scelgo da me, quando mi sento ubriaco di vita intensa e voglio fare un tuffo nell’animalità per ritrarne nuovo vigore.

zoom_76160213_shutterstock_1100236487

Memorie natalizie


 

341d997ae7a2ca1cb9e2de0b14ad6524

48056336_2400981726640413_1199629862361366528_n48404208_2400981683307084_4903557916960751616_n

Si accende l’albero di luci colorate e diffonde nell’aria un odore che non c’è più, è nella memoria quell’odore di pino e di terra bagnata, ricordo le nostre spedizioni in montagna a raccogliere il pungitopo e poi dopo la passeggiata nel bosco tornavamo alla macchina con le mani piene di rametti pieni di bacche , facendo a gara su chi aveva trovato il rametto più ricco di palline rosse. Scendendo acquistavamo l’albero vero, con la sua zolla intrappolata nella rete, lo sceglievamo con cura testando la tenuta degli aghi e sperando in cuor nostro che potesse sopravvivere per un altro anno. Ci fermavamo poi in un piccolo panificio per acquistare i biscotti, che dalle vetrinette facevano bella mostra accendendo il desiderio, erano biscotti al cioccolato, succulenti e grassi ricchi di mandorle e nocciole che mangiavamo per strada, ma portandone un po per tutti a casa.
Quando eravamo giovani il Natale aveva un altro sapore, ora non andiamo più per pungitopo, ne ho un vaso che si è formato negli anni dalle bacche che io mettevo nella terra e in questi ultimi anni produce delle bacche sui piccoli rami che io taglio e porto in casa. Nemmeno l’albero ha odore perché è finto, ne abbiamo acquistato uno bellissimo con degli aghi che sembrano veri e ogni anno cerchiamo di addobbarlo in modo diverso per dargli un nuovo aspetto e lo profumiamo con l’odore della memoria. Potremmo andare su per comprare i biscotti al cioccolato, ma non posso mangiarli più quindi è meglio non andare. Era più allegro il Natale perché più allegri erano i nostri cuori, avevamo accanto i genitori, eravamo giovani e in salute, ma ora guardiamo la nostra stella cometa, il nostro piccolino che sboccia ogni giorno e ridiamo mentre pensiamo a un regalo per strappargli un sorriso.

 

vintage-style

Pensieri d’una mattina d’estate.


rruuqdv9hqo

 

5a31ae1ee81b5a683bd1d987f469271b--romantic-paintings-classic-paintings

 

Seduta all’ombra nel mio cortile osservo comignoli consumati, anneriti da fumi passati e mi viene in mente l’odore del pane fresco nelle mattine d’inverno, quando le massaie si alzavano presto per infornare le candide forme, che sfrigolavano sui piccoli carboni rimasti sul pavimento del forno, mandando quel classico odore di focaccia che fa il pane appena infornato. Il comignolo più vicino si staglia sullo sfondo di una grande pianta di jucca, che esibisce bianchi lampadari di madreperla circondate da spade di foglie acuminate, come verdi gorgiere a far da corona. Sul culmine del tetto della casa antistante, un colombo stira le ali e col becco si pulisce le variegate piume del collo, poi agitandosi tutto, dopo aver lasciato cadere i suoi escrementi, spicca il volo e si posa sull’antenna più vicina facendola dondolare. E’ domenica mattina e dalle cucine sale un odore di soffritto e di ragù, la bignonia è tutto un ronzare di api e i fiori esausti cadono sul pavimento, incrementando un tappeto arancione, che almeno due volte al giorno provvedo a rimuovere. Accarezzo il basilico, fronzuto e verde godendo del suo profumo intenso che racchiude tutti gli odori dell’estate e mi viene in mente la mia vecchia nonna che alta e magra, coi capelli ricciolini raccolti sulla nuca in una crocchia intrecciata, ne portava sempre un rametto in tasca odorando come la mia fioriera. Si intreccia la vita dei cortili di paese, il presente e il passato continuano a creare suggestioni ed io le raccolgo perché non vadano perdute.

 

c02565be

Siamo venuti dall’acqua!!!


 

 

Creddy20

100_4960
Quando ricomincio ad andare al mare è come ritornare lì da dove siamo venuti, mi immergo nel liquido elemento e ritrovo la leggerezza dell’anima e del corpo, mi allontano per allargare il mio orizzonte al di là della fascia costiera di nera pietra lavica e mi impadronisco del paesaggio. Le persone sul lungomare si fanno sempre più piccine e la vita sembra quasi brulicare sui legni delle passerelle e sugli angoli reconditi, dove si rifugiano i bagnanti in cerca di tranquillità. Mi distendo nell’acqua e mi invade un senso di positività che allontana i pensieri e i malanni delle ossa, l’acqua all’inizio fredda, avvolge le membra e sembra riscaldarsi a contatto con la pelle mentre l’odore di salsedine sale su per le narici diventando parte di me.

 

2rfea1e

Pioggia d’estate


 

0qaqemvpzdg

 

56-1-4

 

Piove malinconia sul cuore giovane dell’estate che avanza, mi annoia questo continuo ticchettare sulle foglie nuove del mio cortile, non è tempo di poggia, ma di uccellini che hanno fatto il nido e già i piccoli sono nati e aprono le boccucce affamate alle piccole prede che i genitori portano loro con solerzia. Mi affascina la pazienza e l’amore di questi esserini che sanno accudire la loro prole e guardo il cielo grigio, pensando agli umani e ai loro comportamenti e piango dentro di me.

 

quadro

Andando per castagne!


 
Chesnuts
In questo periodo sento la voglia di montagna, di quell’umido odoroso di foglie morte, di quel cielo che rimbomba cavo, come fosse una cupola aliena posta sulle nostre teste. Che buono quel panino con la cotoletta fredda che ogni tanto tiri fuori per dargli un morso! Mi sembra di essere a scuola, quando il panino con la mortadella non arrivava mai alla ricreazione. Che gioia trovare le prime castagne, lucide e grosse come giganteschi chicchi d’ambra, nascoste tra le foglie e poi sentire, al primo alito di vento, quel rumore metallico delle castagne che cadono battendo sui tronchi. E’lì che ti dirigi nella speranza di trovarle e gioire poi di quei piccoli tesori dal cuore generoso e bianco, dalla buccia ancora tenera e pelosa. Quando le trovi ti viene voglia di coccolarle e già pensi al loro crepitare sul fuoco, mentre attendi con l’acquolina in bocca, che si cuociano, per addentarle ancora bollenti, dopo esserti scottate le dita. Sono sensazioni nuove, anzi vecchie, nascoste nell’animo dalla voglia d’estate e di mare, che riaffiorano alle prime piogge, ai primi sentori d’autunno e per chi come me, vive tutto l’anno al mare, la prima passeggiata in montagna costituisce un vero richiamo della natura, il ritrovarsi in una dimensione diversa, con le orecchie che schioccano e le nuvole più vicine sulla testa, mi pare di avvertire anche qui quel senso di appartenenza al creato, che mi circonda con lo svettare dei tronchi e quella dolce solitudine che si nutre di silenzio, squarciata ogni tanto dal gracchiare roco delle gazze e dei corvi tra le querce. Dopo la camminata ci sediamo su un muretto a confrontare il bottino di castagne e a consumare quel che resta del panino e quel dolcetto preparato apposta per la colazione a sacco e poi di nuovo verso casa, con la pelle sudata e una grande serenità nel cuore.

Ng2HGHJ