Archivio tag | amore

Io mi diletto: La mia poesia Brividi nascosti.


Cieli annoiati
e baruffe di nuvole bianche
pendono
sui magri rami
d’un ciliegio in fiore,
rosa,
come l’ amore
nel mattino,
intreccio di sorrisi e sguardi d’amanti,
adagiati su un prato
molle di margherite e di rugiada,
a catturare
brividi nascosti
sulla pelle ansiosa
e fili d’erba fra le labbra rosse.

@MC

 

Annunci

Io mi diletto: La mia poesia Lo specchio dei baci


16664-baby3_jazzlscan01_mc

mamma2

Metto fra me e il tempo

virgole di fumo

e sbuffi di malinconia,

poi guardo intorno

e niente è chiaro come la vita,

che è amore.

Tu ci sei,

è amore il tuo sguardo,

adesso è solo amore,

anche il dolore è amore,

che sgorga impotente

a colmare i tuoi occhi smarriti.

Rumoreggia l’ansia del cuore

che si pettina allo specchio dei baci,

mentre si accendono

le prime luci della sera

e per me

è ora di andare.

MC@

La mia poesia “Amore diverso” Ha vinto il primo premio


 

12509413_1715295958684131_2503957166812365521_n

 tumblr_m8z5hwkrqv1qajvqgo1_500

 

Visceri distorte

da un urlo che non trova la via

e doloroso si torce

nell’animo,

e mette nel cuore

le aggrovigliate radici

di una pena tagliente.

Io diversa,

madre di bimbi mai nati

e tante volte sognati,

cullo nel pensiero

le mie visceri vuote

e la morta speranza

e fra le braccia il tepore

d’un cuscino che non piange

e la mia pena .

Poi il mio vuoto di donna

echeggia d’ altri pianti

e vivo

questa urgenza d’amore negato,

dove la mia solitudine porta il sorriso,

dove il colore della fame

si mescola al bruno della pelle d’Africa,

e nella missione d’amore,

di figli mi circondo

e il cerchio si chiude

colmando

la mia diversità

d’amore diverso.

MC@

13151486_10208276293619447_756179121541478539_n

Io mi diletto: La mia poesia Spazi indifesi


 

 

1zk2sl5u0te




 

Viaggio

negli anfratti dell’anima

e sconfina in te il mio pensiero,

alimento dei miei spazi indifesi.

Vive qui quest’ amore,

che dritto cammina

senza mai voltarsi indietro,

specchiandosi vanitoso

nell’inquietudine stanca

dell’essere,

filtra come un raggio di luce,

fulcro di cuori

che muove le sue leve

dove migrano i giorni pigri

e graffiano il tremulo orizzonte

che lontano s’assottiglia

e risuona di muti silenzi

spiaggiati,

vuote conchiglie al sole

d’ un arenile biondo.

Maria Cavallaro

copyright_logo.gif

 

n-14-50x50-margherite-e-papaveri

 

Io mi diletto: la mia poesia Sintesi di luce


2txx9g4w

lvw9gzf50ue

Cerco appendici di luce

nei nostri arcobaleni di sabbia,

luce nel meriggio che

che incombe infuocato e stanco,

e nei tuoi occhi di giada

catturo pagliuzze d’oro,

sintesi estrema

di illuminati specchi.

Noi e la luce,

simbiosi catartica

di una vita che percorre

parallele di sentimento

e giorni pigri,

dove è l’attesa che urge

su binari di fantasia,

distesa e inerte

in un lambire d’onda,

accarezzata

dalla tua mano d’amore.

Maria Cavallaro

@

94028@

W i nonni


CS-2BFESTA-2BDEI-2BNONNI-2B2-2Bottobre-2B2014-2Be-1

1741691um23km4kt5festa-dei-nonni-586x390

 

Oggi è la festa degli Angeli custodi, ma è anche la festa dei nonni , che a loro modo sono anch’essi degli angeli, delle persone speciali, ricche di esperienza e di tanto amore da donare. Auguri a tutti i nonni e un pensiero alla mia mamma Angelina nel giorno del suo onomastico, che è stata una nonna stupenda assieme a nonno Nino , a nonno Salvatore e a nonna Sebastiana. Io ricordo con tenerezza i miei nonni che sono andati via da tanto tempo, ma il nonno che porto sempre nel cuore è nonno Angelo, un nonno che divenuto padre di mia mamma in tarda età, era già molto vecchio e cieco quando io bambina giocavo con lui. I nostri giochi preferiti erano la lettura e il parrucchiere, giochi che non lo impegnavano fisicamente, ma ai quali partecipava con entusiasmo. Gli piaceva sentirmi leggere le favole perché lui non sapeva leggere, ai suoi tempi  infatti pochi potevano andare a scuola e sentire quelle storielle di bimbi lo riempiva di gioia e di stupore per la mia abilità nella lettura. Così io gli leggevo il mio libro di prima elementare e lui ascoltava coi suoi occhi chiusi e sorrideva felice. Quando era l’ora del parrucchiere si faceva torturare col pettine e ricordo ancora quei suoi capelli bianchi e sottili come fili di seta che io fingevo di acconciare, mentre lui immobile aspettava seduto sotto una tovaglia. Mio nonno non poteva partecipare attivamente ai giochi, ma era un compagno di giochi docile e paziente col quale passavo tanto tempo e anche così, a suo modo riusciva a darmi tutto il suo amore.

2_152