Archivio tag | capelli

Io mi diletto: la mia poesia Infinita essenza


 

Noi
 
che c’eravamo
 
nella seta di lunghi capelli
 
e nell’estasi di brevi momenti
 
coglievamo il fiato della nostra ombra,
 
dove una lucciola si posa
 
sul velluto della notte
 
camminando insieme,
 
stretti nella mente
 
del tempo immortale,
 
godiamo dell’infinita essenza
 
che ancora conserva
 
nelle teche dell’anima
 
il suo profumo.
@MC

 

 

Io mi diletto: La mia poesia Lenzuola di seta


 

corso_pittura

1040093_585678181514827_281173906_o

Liscerò i tuoi capelli

o luna,

mentre intrecci

 i tuoi pallidi raggi

 ai nastri rosa dell’alba

 e il giorno si adagia

 sui seni delle nuvole.

Fugge la notte

e sul suo mantello

 le stelle

sono sogni rimasti a metà,

dove non arriva il cuore

 e la mente si accartoccia

 impaurita sul cuscino,

 tra nidi di capelli spettinati

 e sgualcite lenzuola di seta

che profumano di noi.

Maria Cavallaro@

 

297224_10150361060442528_606887527_8347112_882303351_n.jpg

 

 

 

Io mi diletto: La mia poesia


315307_496137290460111_900679791_n_thumb.jpg

Evoco

*****
 

Distratto

sfiora lo guardo

il mare di settembre

incontro 

a banchi di nuvole accese

e strie d’azzurri intensi.

Sul pelo dell’onda cheta

evoco le sue mani,

sottili

tra i miei capelli bagnati

e ricordi

di appassionati momenti

sfuggiti nel nostro cielo.

Avidi di noi

ci eravamo persi

nella fretta

di un’estate ruffiana

e annegavo nei suoi occhi

aliti di baci

accesi di fantasie

e carezze d’acqua,

sfumate

nel vocio

d’un assolato meriggio…

era di settembre

anche allora.

Maria Cavallaro

x4566h3.gif

 

Io mi diletto: La mia poesia


fleurminiroses3.gif

mod_article2808916_12

Inseguendoci

 

Riluce il tuo volto

sul mio

nella penombra vellutata.

Sciogli i miei capelli,

raccogli sulla tua pelle

queste lacrime di gioia,

da bere

nel palmo delle mani

mentre le fiamme d’un sogno

bruciano emozioni,

cullate là,

dove osa il desiderio,

fra dune di piacere

e verdi oasi di libertà.

Inseguendoci

nell’infinito

prendere e lasciare degli attimi,

ci arrampichiamo

sui cornicioni dell’anima,

e sul filo

di equilibri esistenziali,

ci aggrappiamo

all’estasi

di questa notte senza luna.

Maria Cavallaro

fuego19

copyright-all-right-reserved

 

Io mi diletto: La mia poesia


71

Sassi

Gioco
di ali spezzate
di sentimenti legati
ai fili dell’anima.
Corse su spiagge assolate,
lacrime di sale,
bevute
nei crepuscoli
di giorni trascorsi
a fantasticare.
Quest’amore,
così dolce,
così travolgente,
ha accarezzato
come fiume in piena
i sassi della nostra vita.
E mentre guardo
fili d’argento
fra i tuoi capelli
e nei tuoi occhi
il sereno,
i frutti d’un sogno
depongo
nello scrigno del tempo.

Maria Cavallaro

fuego19[3]

copyright-all-right-reserved

Io mi diletto: La mia poesia


 

 

uid_117417596c1_580_0

Antitesi

 

Vivo l’angoscia

del divenire

accoccolata nei miei silenzi

e cerco spazi di fantasia

dove scalpita

l’altra parte di me.

La sento

gridare urgenze

che mai le danno respiro,

graffiata, spettinata

dagli eventi.

Prigioniera

di malinconiche ragnatele,

attende lembi d’azzurro

che si attardano

su percorsi tortuosi……

Pietosa

ho ravviato i suoi capelli,

lavato le sue ferite

e a cavallo del passato,

andremo incontro al futuro,

strette nella stessa lacrima.

 

Maria Cavallaro

 

fuego19[3]

copyright-all-right-reserved

La poesia per gli sposi


 Erano le due quando la musica ha smorzato la sua voce, il morbido prato brulicante di gente elegante, pian piano ha incominciato a spopolarsi, gli ultimi rimasugli del bouffet di dolci facevano mostra di se sul tavolo ormai spoglio e gli sposi stanchi intrattenevano ancora gli ultimi ospiti che si attardavano a commentare la festa. Io sono la mamma dello sposo e quindi sono di parte, ma a detta di tutti è stata una bellissima festa. Dopo l’emozionante cerimonia in chiesa, il riso e il volo dei palloncini, stupenda la curatissima villa col suo verdissimo prato, gli alberi e la piscina, ha fatto da magico contorno alla cena, sotto un cielo stellato senza un alito di vento. Fiori meravigliosi bolle di sapone, rosse mongolfiere che si sono innalzate nell’aria, hanno rallegrato la serata, insieme a una musica dolce  di sottofondo, ma loro, gli sposi sono stati i protagonisti indiscussi, coi loro abiti bellissimi, la macchina scoperta e una luce stupenda negli occhi. Anche gli ospiti molto eleganti hanno fatto loro degna corona, per non parlare della cena e dei confetti di ogni gusto e varietà, tutto impeccabile nella sua semplicità ha contribuito a realizzare un sogno cullato da tanto tempo. Io sapete, non ho sentito stanchezza, nonostante avessi al posto delle estremità due mafaldine doloranti, mi sono sentita a posto col mio abito lungo, semplice ma raffinato e superata l’iniziale emozione, mi sono goduta la serata al fianco di mio marito e insieme a parenti e amici. Ormai il più era fatto , le ansie si erano dileguate potevo rilassarmi e guardare con tenerezza i miei colombi  che avevano spiccato il volo.Un momento molto emozionante è stata la lettura della mia poesia, l’hanno voluta gli sposi tutta per loro, credevo di non farcela a leggerla , avevo paura di piangere, ma poi mi son detta che non avevano senso le mie parole lette da altri e allora fra momenti di emozione e pause per prendere fiato, ce l’ho fatta a ricacciare il nodo che avevo in gola e ho letto:

038-foto-sposi-mano-nella-mano

Sogno d’amore

Per voi, cari sposi,
In questa magica notte,
sotto le stelle,
è sbocciato un dolcissimo sogno.
Da domani
camminerete nella stessa ombra
e i vostri cuori saranno
cuscino ai vostri pensieri.
Tu, figlio mio,
coi tuoi baci,
colorerai le sue guance di rosa,
e dolci le sue mani
accarezzeranno i tuoi capelli,
quando stanco
dormirai al suo fianco.
Amore sarà
il custode della vostra casa
e pazienti,
mano nella mano,
di rose cospargerete
il vostro cammino.
Ogni giorno
un sole nuovo
riempirà di luce
le vostre vite,
quando voci di bimbi
allieteranno la vostra casa
e insieme
percorrerete  sentieri felici,
vivendo il futuro
nella vostra favola.

Mamma

partecipazioni-matrimonio-fatte-a-mano