Archivio tag | conchiglie

La mia poesia Virgole


 

 

 

Virgole nel cielo questi gabbiani
che racchiudono il silenzio
in un battito d’ali,
scendono a sfiorare l’azzurro
specchio della loro anima inquieta
e della mia,
allorchè mi abbandono
alla culla dell’onda gentile
che lambisce i miei pensieri,
come conchiglie spiaggiate
dalla marea.

MC@

 

 

Io mi diletto: La mia poesia Pelle bagnata


kati__gif_320_320_256_9223372036854775000_0_1_0

 

6919746-md

Ho calato le mie reti

insieme a te

mio pescatore,

in questo mare di zaffiro.

Mentre respiro il vento

stringo voli di sabbia

che l’aria porta via

e si nasconde il cuore

tra alghe spiaggiate

e suoni di conchiglie.

Sveglia tra questo

stormir di pensieri,

vesto d’ombre la luna

e il tremolio dell’onda

mi solletica l’anima,

come un lento scivolar di mani

sulla pelle bagnata.

dopo il temporale.

MC@

Rose

 

Io mi diletto: La mia poesia Spazi indifesi


 

 

1zk2sl5u0te




 

Viaggio

negli anfratti dell’anima

e sconfina in te il mio pensiero,

alimento dei miei spazi indifesi.

Vive qui quest’ amore,

che dritto cammina

senza mai voltarsi indietro,

specchiandosi vanitoso

nell’inquietudine stanca

dell’essere,

filtra come un raggio di luce,

fulcro di cuori

che muove le sue leve

dove migrano i giorni pigri

e graffiano il tremulo orizzonte

che lontano s’assottiglia

e risuona di muti silenzi

spiaggiati,

vuote conchiglie al sole

d’ un arenile biondo.

Maria Cavallaro

copyright_logo.gif

 

n-14-50x50-margherite-e-papaveri

 

Io mi diletto: La mia poesia


970542dkqtw60t56

Foto: Vi auguro una serena giornata con questi pensieri appena scritti solo per voi! Un abbraccio...


Orme tra i pensieri

Copre l'onda il mattino,
di orme 
scolpite sulla battigia
e scheletri di conchiglie taglienti,
resti di altre vite,
informazioni spiaggiate,
dove il tempo ha perso le ali.
Cammino
e il pensiero si finge altrove...
stretto
da cordoni di mani,
scivola fra le dita
e tutto si fa sabbia
massa indistinta
di colori lavati
dall'azzurro,
inghiottiti
dal perpetuo moto,
di schiume adorno
e profumato di salsedine.


@ Maria Cavallaro

Orme tra i pensieri

*****

Copre l’onda il mattino,
di orme
scolpite sulla battigia
e scheletri di conchiglie taglienti,
resti di altre vite,
informazioni spiaggiate,
dove il tempo ha perso le ali.
Cammino
e il pensiero si finge altrove…
stretto
da cordoni di mani,
scivola fra le dita
e tutto si fa sabbia
massa indistinta
di colori lavati
dall’azzurro,
inghiottiti
dal perpetuo moto,
di schiume adorno
e profumato di salsedine.

Maria Cavallaro

00d8053th19
 
 

Io mi diletto: La mia poesia


4070906_large

Conchiglie

Pensami questa notte,

dove si bagna la luna

e le stelle

frantumano

briciole di sogni.

Lì camminerò,

musa scalza

sul bagnasciuga della vita,

per raccogliere conchiglie

e ascoltare il tempo.

Vieni,

indosseremo

ali di vento

per sollevare piume d’anima

e sussurrare amore

sul mare del silenzio,

dove anche il pensiero

è rumore.

Maria Cavallaro

fuego19copyright-all-right-reserved

Io mi diletto:la mia poesia


Due laghi

Dipingo emozioni

su lembi di cielo,

mentre scivola il tempo

e s’adombra il crepuscolo

sull’inerzia dei giorni.

A tratti

mi sorprendo a navigare

in occhi di zaffiro,

due laghi,

dove mi lascio trasportare

sull’onda

come un petalo di rosa

strappato dal vento

e nelle tue mani

mi rifugio,

conchiglie d’amore

protese

sul bianco arenile

d’un corpo di fuoco.

Maria Cavallaro