Archivio tag | estate

Pensieri dietro i vetri appannati.


2498208677

1495559_637917496253994_1508781866_n
Come è strano sentirsi a volte, in questi giorni d’inverno, come una foglia caduta che compie tortuosi percorsi nei rivoli d’acqua che scendono al mare dopo la pioggia! Traportata dal suo mulinare inconscio, aggira gli ostacoli e riprende la corsa nelle lacrime del tempo, è ignara della meta o forse sa, ma travolta dall’acqua, inebriata dall’inarrestabile energia si abbandona priva di forze al suo minuscolo peso. Non ha voglia di opporsi, scivola guardando il cielo aspettando la meta e ripensando all’albero di cui fu ornamento e vanto, verde e fiera nei giorni d’estate.

578461_366938363391504_277068570_n

Annunci

Pensieri in volo


1c562-gabbianiinvolo

1057043_1_l

 

Aspettando il tempo si scioglie, dove andranno i nostri pensieri? li sento borbottare nella mente, mentre sul cuscino cerco il sonno consolatore, sono pensieri vestiti a festa, ammucchiati in un angolo, schiacciati dai giorni pigri, dalle siepi di nuvole che si levano a nord. Passata è ormai l’estate sciupata dai malessseri , dalle malinconie, dai giorni non vissuti, vorremmo trattenerla ancora un po’, ma ormai i frutti sono maturi, le pesche dalle rosee guance sono finite, ora l’uva è pronta ed è tempo di vendemmiare. Presto l’odore del mosto nuovo giungerà accattivante alle narici, sarà fermento nelle cantine e le prime piogge hanno reso grevi i frutti di ficodindia e si tingono di rosso i melograni, nutrendosi degli ultimi raggi di sole per darci chicchi maturi e succosi. Aspettiamo già il Natale, ma come siamo stolti a non capire che aspettando aspettando, ci avviamo come pecore al pascolo e poi a sera torniamo al chiuso, sazi , ma senza libertà di volare, come quei gabbiani che sfrecciano radenti al pelo dell’acqua, per allontanarsi subito e poi ritornare scrivendo linee invisibili su piani immaginari che appartengono solo a loro. Io preferisco l’estate perché dentro di me sono gabbiano e continuerò a volare per scrivere le mie storie su pagine di cielo, come linee infinite che mi appartengono, mentre le pecore col muso per terra brucano l’erba senza levare gli occhi in alto, ma che ne sanno loro del cielo?

seagulls__original_acrylic_painting_by_igoingwest_by_igoingwestart-d5ftow8

Malinconie di settembre


 buongiorno-buon-inizio-settembre-1

vela-brazil

Settembre mi scende nell’animo, mescolandosi alla mia malinconia. Mi fermo col pensiero a guardare il mare argenteo e ancora caldo e mi piace pensare che quel gabbiano solitario sia sempre lo stesso che ogni anno ritorna alla fine dell’estate e tutto solo se ne sta su un’isoletta a guardare l’orizzonte. Scende dentro di me questo grigiore che incomincia a impadronirsi della scogliera, fino a diventare il colore primario e dal mare scompare anche quell’azzurro estivo lasciando il posto ad un colore plumbeo dove il cielo a stento si riconosce. E’ il tempo delle barche a vela, che nei giorni di bonaccia se ne vanno dondolando all’orizzonte per rientrare al sicuro nei porti, col loro bagaglio di umanità e di scoperte, di giorni avventurosi, di salsedine e di notti stellate. Mi sento immobile come il mio gabbiano solitario e centellino la mia malinconia che scende, bruciando i miei orizzonti, mi ammanto di grigio come la scogliera e seguo l’onda dei miei pensieri incolori…. a volte vorrei essere altrove.

thBVLN6E6E

 

 

Pioggia d’estate


 

0qaqemvpzdg

 

56-1-4

 

Piove malinconia sul cuore giovane dell’estate che avanza, mi annoia questo continuo ticchettare sulle foglie nuove del mio cortile, non è tempo di poggia, ma di uccellini che hanno fatto il nido e già i piccoli sono nati e aprono le boccucce affamate alle piccole prede che i genitori portano loro con solerzia. Mi affascina la pazienza e l’amore di questi esserini che sanno accudire la loro prole e guardo il cielo grigio, pensando agli umani e ai loro comportamenti e piango dentro di me.

 

quadro

Aria d’estate


Creddy20

giugnoimm

 

Nell’aria sbiadita
si dissolvono odori
di papaveri nel grano
macchiati di surfinie
e di caffè.
Immobile sento
i sudori che salgono
e l’arsura.
Poi sulle ali di uno spiffero
aspetto il raffreddarsi
dell’immenso
che brilla nella luna
quando è sera.

MC@

 

0qaqemvpzdg

 

 

Il risveglio delle api


 

11825823_955581901180410_99942811907557163_n

Mentre la luce del sole mi restituisce il comignolo inghiottito ieri sera dal buio, ascolto il ronzio delle api, che incuranti di me, si affannano a raccogliere il miele nei boccioli della bignonia appena aperti. È un rituale che si ripete ogni mattina, con religiosa puntualità per tutta l’estate, le bottinatrici a frotte vengono all’appuntamento e si contendono i fiori più freschi, succhiandone con operosa ingordigia la dolce essenza. Poi ripartono incerte, barcollando verso l’ alveare, per ritornare decine di volte fino allo sfinimento . Infine lentamente il ronzio diminuisce e allora avanzano le formiche, per consumare ciò che resta del lauto pasto. Amo questa pianta che da anni allieta il mio cortile, per quello che rappresenta, è il tripudio della natura che si risveglia ogni mattina e puntuale si ripete nel suo ordinato cosmo, dove la singola parte collabora alla sopravvivenza del tutto.

11817046_955582061180394_7704065920342107601_n

 

Estate di Sicilia


 

E’ un pendolo questo tempo cui stiamo abbracciati nella calura che ci artiglia il corpo stanco, mentre i giorni costruiscono la vita e la terra arsa sembra bere la linfa delle piante che si attorcigliano rinsecchite. Gocce dal cielo non hanno fatto in tempo a bagnare la terra che già sono evaporate lasciando intorno uno strano odore di bruciato. Questa è l’estate di Sicilia, un caldo breve ma intenso, un mare che rigenera, una cena a base di granita e brioche col tuppo, una pizza all’origano, il rosso di un’anguria sulla tavola imbandita, un odore di pane appena sfornato e di caffè al mattino sotto il pergolato.

2669772