Archivio tag | fragilità

Capodanno, che cos’è?


 

buon-anno-2019-engiel.com-12

 

cenone_capodanno_2018

 

Anche quest’anno è andata, è avvenuto l’atteso traghettamento da un anno all’altro, con cenoni ricchissimi, auguri , baci e abbracci, in un banale rituale che si ripete ogni anno, ma non ha una significato vero e proprio, perché l’anno neonato è uguale al vecchio, con le stesse criticità, gli stessi problemi , non ci si sveglia il primo gennaio con una pelle nuova, è tutto come prima, con montagne di cose da lavare e resti da smaltire. Eppure, sarebbe triste andarsene a letto senza aspettare questo annuale passaggio, l’uomo vive anche di illusioni, effimere quanto vuoi, ma che per un attimo gli fanno dimenticare le sue fragilità. Mi piace riportare il pensiero di Antonio Gramsci, che seppur in modo più deciso e incontrovertibile , si accosta la mio modesto sentire.

“Ogni mattino, quando mi risveglio ancora sotto la cappa del cielo, sento che per me è capodanno.
Perciò odio questi capodanni a scadenza fissa che fanno della vita e dello spirito umano un’azienda commerciale col suo bravo consuntivo e il suo bilancio e il preventivo per la nuova gestione. Essi fanno perdere il senso della continuità della vita e dello spirito. Si finisce per credere sul serio che tra anno e anno ci sia una soluzione di continuità e che incominci una novella istoria e si fanno propositi e ci si pente degli spropositi, ecc. ecc. “
…….”Perciò odio il capodanno. Voglio che ogni mattino sia per me un capodanno. Ogni giorno voglio fare i conti con me stesso, e rinnovarmi ogni giorno. Nessun giorno preventivato per il riposo. Le soste me le scelgo da me, quando mi sento ubriaco di vita intensa e voglio fare un tuffo nell’animalità per ritrarne nuovo vigore.

zoom_76160213_shutterstock_1100236487

Io mi diletto: La mia poesia Allegorie di sale


Luce_sui_corpi

Vivo i miei giorni sospesi

alla coda del tempo,

inesorabile chimera

di vite caduche,

di corpi in trasformazione

e chirurgia plastica.

Vivo i miei giorni

come un’onda

che insegue il vento

e poi s’arresta

per voltarsi indietro

e sommersa da un’altra onda

si scioglie in allegorie di sale.

Vivo dove tu sei il mio vento,

l’onda che mi insegue

e nelle mani raccoglie

i miei sogni,

le mie fragilità,

il peso delle mie paure.

Maria Cavallaro

@

11009157_805783526158082_2523892114743420993_n 

 

Auguri donne! la mia poesia : Mamma tra le ciglia


buon8marzo1-e1299514723530

ritratto_mimose

Auguri a tutte le donne, missionarie di pace e di vita, che portano avanti il loro messaggio in prima linea. Un ricordo per quante hanno dovuto soccombere alla brutalità del loro quotidiano vivere.

Mamma tra le ciglia.

Quello sguardo
attorcigliato al sorriso
si nasconde
tra la siepe di ciglia
ed io donna, m’ innalzo torre d’avorio
nel mio colorato universo,
mistero nascosto
tra sogno e realtà.
Vivo
le mie fragilità, mentre d’un seme
cresce la vita, che forte rende
il mio grembo
e nel dolore
dispensa la gioia
d’un nuovo vagito.
@MC

H5720-L46961473