Archivio tag | funghi

Novembre


01nov2016home

1526447_638545506191193_1434532288_n

 

Novembre triste e stanco
ci invita al camposanto,
i morti ad onorare,
i santi a festeggiare.
S’indora la campagna,
matura la castagna
e il sodo melograno
di rossi chicchi è pieno.
I funghi si nascondono
sotto le foglie morte,
che al passaggio risuonano
dell’inverno alle porte.

Maria Cavallaro@

arredare-casa-halloween-400x601

Profumi di novembre


11novembre2013

e023d591Scivola ottobre stanco
sul suo tappeto di foglie
ingiallite e trite
e novembre gli porge la mano
dalla solitaria panchina
sotto i castagni spogli.
Sale l’ odore
del giovane vino
e opulenza di funghi
s’aggiunge
all’umido effluvio
della terra bagnata,
nel grigio,
dopo la pioggia.

Maria Cavallaro

@

dqw8RYz

Io mi diletto: la mia poesia Tempo d’attesa


 

cjgf194wq4s 

Malinconia del tempo d’autunno

ci avvolge,

come caligine fumosa

cala sui colori

e ritorna il tempo d’attesa

nel risuonare cavo

dell’aria bagnata

che di funghi odora.

Scricchiolano

le soglie del tempo,

tappeti di foglie i giorni

si lasciano andare ad uno ad uno ingialliti e spenti

e il cuore,

nudo ramo contorto,

mostra la sue ferite

al passero frettoloso

che su di esso si posa.

Maria Cavallaro

@

mabon2010

 

Osservazioni d’autunno


 

 

Giunto è l’autunno pittore di foglie e di malinconie, si staccano le foglie ad una ad una, dipinte di giallo e di croco e rossi i pampini si ammucchiano ai piedi della vite generosa. Odore di mosto si leva dai tini e profumano le carrubbe mature, i funghi e le mele dalle rosse guance. Mi piacciono i tramonti autunnali che si tingono di rosa e il mare che rientra nella sua austera solitudine dopo i clamori estivi. Il mio paesino si spopola pian piano, le case di villeggiatura si chiudono, tutto ritorna al suo posto e le barche dei pescatori si dondolano nel porticciolo dopo la pesca a traino. Ieri il mare ribolliva di pesci che inseguivano altri pesci più piccoli, sembrava uno sponsalizio tanti erano e al largo si notava una striscia bianca per tutto il litorale, dove invano le barche cercavano di pescare, ma i pesci euforici saltavano senza abboccare all’amo. Io non amo tanto l’autunno, ma anche questo periodo ha la sua bellezza, basta saperla guardare nel rituale che ogni anno si ripete nel grembo della natura che si appresta al riposo, per poi rifiorire nel tripudio della primavera.

Ondina_autunno%20(2)

Io mi diletto in cucina: Il rollè di pollo


dreamstime_1517183612_thumb.jpgDSCN2753

Per fare il rollè ho adoperato mezzo petto di pollo del peso di 550gr, due puntine di maiale senza osso, due uova, una carotina, degli asparagi selvatici, tre funghi coltivati, galbanino e parmigiano, sale e pepe.
Ho aperto a libro il pollo, ottenendo una fetta larga che ho appiattito col batticarne fra due fogli di pellicola, ho preparato con le uova tre frittatine e ho farcito il pollo con le frittatine, gli asparagi, la carota , le puntine tagliate a listarelle e i formaggi, arrotolandolo poi, con l’aiuto della pellicola, col mio tubo da cucina fai da te, l’ho fatto scivolare nella rete e dopo averlo infarinato, l’ho fritto leggermente. Nella mia pentola bassa ho tagliato sottilmente due grosse cipolle, ho salato pepato e ho aggiunto due foglie d’alloro un po’ d’olio d’oliva e un pezzetto di burro. Vi ho adagiato sopra il rollè e i funghi affettati ho condito e ho aggiunto un pochino d’acqua calda. Ho coperto bene e ho lasciato cuocere a fuoco molto lento per un’ora e mezza. La cipolla è diventata una dolcissima crema con la quale ho nappato le fette del rollè che ho servito insieme ai funghi.

DSCN2746DSCN2749

Un pranzetto per due: Farfalle con funghi e asparagi e involtini di lonza di maiale ai funghi.


 

DSCN2413

DSCN2414

 

Oggi la mia amica Mariuccia mi ha regalato un mazzetto di asparagi selvatici ed io ho realizzato un pranzetto per due, ogni tanto mi piace viziare mio marito, che devo dire ha gradito particolarmente. Ho stufato un cipollotto nella wok con un po di olio, vi ho aggiunto gli asparagi e i funghi coltivati, sale e pepe e ho fatto cuocere coperto a fuoco basso per una decina di minuti. A parte ho cotto le farfalle molto al dente e ho finito di cuocerle nella wok, aggiungendo un goccio di panna alla fine per rendere il sughetto cremoso. Con la lonza di maiale ho fatto degli involtini che ho farcito con parmigiano, formaggio dolce, asparagi, uovo sodo, sale e pepe li ho infarinati e li ho fatti appena soffriggere in padella con uno spicchio d’aglio in camicia. Ho sfumato di vino bianco, ho aggiunto dei funghi coltivati e un mestolino di acqua calda, ho aggiunto due foglie di alloro, del rosmarino , sale e pepe e ho fatto cuocere a fiamma lentissima coperto per circa 45 minuti mescolando ogni tanto per non far attaccare. Sono venuti fuori due piatti deliziosi e armonici nel gusto e nella presentazione.

 

Filastrocca d’Autunno


Stamane si e svegliato

l’autunno frescolino,

 va nel bosco e nel prato,

s’attarda nel giardino.

Gira per le campagne,

accende i melograni,

 rigonfia le castagne ,

dà funghi a piene mani.

Tutto vuol colorare

nei boschi e nelle vigne,

 a terra fa cadere

dagli alberi le pigne.

E’ proprio un gran pittore,

dipinge grandi fuochi.

 e sparge in ogni dove

 i gialli,  i rossi e i crochi.

Cominciano a cadere

le prime foglie gialle,

e svolazzano libere

come grandi farfalle.

Maria Cavallaro

copyright-all-right-reserved_thumb_thumb.jpg

.

01_autunno