Archivio tag | libro

Stati d’animo: il mio angolo segreto


libri-44

“Come un albero d’autunno, così torno dentro di me, in quell’angolo segreto dove ripongo le attese, a sfogliare i giorni trascorsi e l’incerto del futuro, come le pagine d’un libro che non ho ancora  finito di leggere, quando forte è la tentazione di scoprire come finisce la storia.” Gli stati d’animo sono momenti che spesso rimangono chiusi nel nostro intimo e si diluiscono nelle problematiche della vita senza prendere forma, a volte invece mi capita di riuscire a metterli per iscritto e rileggendoli scopro momenti di poesia, straordinari, immagini pittoriche che potrebbero diventare il soggetto di un quadro. La psiche umana vive spesso di questi momenti legati ai sentimenti e agli eventi della vita che si sovrappongono inesorabilmente ed è pregio del poeta catturarli per riuscire poi a trasformarli in sogni e poterne condividere le sensazioni. Oggi mi sentivo così, come un albero d’autunno!

Annunci

Io mi diletto: La mia poesia


Libro d’amore

 

Leggimi dentro

quando il tempo

si veste di silenzio,

leggimi ,

ho nel cuore

pagine di sentimento.

Sarò per te 

un libro d’amore,

scritto

coi colori dell’iride

leggilo con me

alla fioca luce dei fulmini,

mentre scivola la pioggia

sul verde della siepe

e gli sguardi

scolpiscono emozioni

sui vetri appannati

dell’anima.

Maria Cavallaro

Io mi diletto: La mia poesia


Nell’alito d’un bacio

Ti ho ritrovato

nei petali d’un fiore

essiccato

tra le pagine

d’un volume ingiallito

e ho annusato il tempo

nell’eco d’una storia,

scritta

con briciole di sentimento.

Riflesse

nell’alito d’un bacio,

ho evocato

ali di farfalle dipinte

nel velluto

delle tue carezze

e guardando l’onda 

del nostro mare,

ho scritto t’amo

nelle sue trasparenze

di cerulea luce,

dove l’aurora

ha inghottito nell’oblio

le bianche vele

d’un sogno,

svanito là

dove il mattino

avvolge di fantasia i ricordi.

Maria Cavallaro

Io mi diletto: La mia poesia


 

 

 

2530511-secche-rosa-rossa-su-un-vecchio-libro-di-aprire-la-candela

Chimere

 

Ho sentito
passi felpati
attraversare la mia anima,
nell’ansia di attese
sfumate,
di attimi rubati
alla malinconia
di pensieri antichi.
Scorre il tempo
che di alate chimere
fa strage
e di sogni segreti
dissolve
le dorate immagini.
E sopra tende d’oblio
dipingo
desideri inespressi,
che ritrovo
impalpabili,
fiori essiccati
nel libro della memoria,
che han perso il colore
e odorano di fieno.

 

Maria Cavallaro

fuego19[3]

 

copyright-all-right-reserved