Archivio tag | lievito madre

La mia colomba vola!


DSCN2526

DSCN2517

DSCN2512      DSCN2509

DSCN2506

Dopo due giorni di impasti e lievitazioni ho finito finalmente  la mia colomba con il lievito madre,  sono soddisfatta e mi sono anche divertita, perché l’impasto della colomba è lungo, ma permette di osservare il mistero della lievitazione. Dopo aver selezionato le ricette di diversi maestri pasticcieri, ho scelto la ricetta di Rolando Morandin perché mi è sembrata fattibile, con una procedura semplice, anche se abbastanza lunga. Per la ricetta passo passo leggi qui: http://lacuocadentro.blogspot.it/2013/03/la-colomba-fermentazione-naturale-di.html

chef-anim-chef-cook-food-smiley-emoticon-000273-large

Annunci

Il lievito madre e il piacere di fare il pane!


DSCN2393

Oggi ho fatto il pane con il lievito madre e sono così contenta della riuscita che voglio postarlo qui per conservarne il ricordo.  Ieri pomeriggio alle quindici ho rinfrescato duecento gr di lievito con duecento gr di farina di semola e 80 gr di acqua tiepida  e l’ho messo a lievitare nel forno spento con la luce accesa. A mezzanotte con il mio robot anni 80, ho impastato per 30 secondi 800 gr di farina di semola setacciata, con il lievito sciolto in 450 gr di acqua tiepida e 16 gr di sale aggiunto alla fine sciolto in un pochino di acqua. Ho fatto le forme e ho lasciato a lievitare nel forno spento con la luce accesa tutta la notte. Mentre io dormivo i fermenti lavoravano nel mio impasto. Stavo in pensiero perché non avevo sorvegliato la lievitazione e mi sono alzata presto, le forme erano bellissime, raddoppiate di volume pronte per la cottura. Ho acceso il forno al massimo e ho infornato sulla leccarda riscaldata al piano basso del forno, abbassando la temperatura ogni dieci minuti fino a 200 gradi. Ho cotto per tre quarti d’ora e ho lasciato ancora un po nel forno spento. E questo è il risultato!

 per il lievito madre segui il video https://www.youtube.com/watch?v=M1rMU7gQU18.

DSCN2389

 

La pizza col lievito madre


 

 

dreamstime_1517183612.jpg

 

 

 

Il lievito madre è uno stimolo continuo a produrre cibi da forno come la pizza, che risulta soffice e croccante ed ha un profumo veramente buono e un aspetto davvero invitante. Per la pasta che ho lavorato a mano, ho usato 300 gr di farina 00, cento grammi di lievito madre rinfrescato, sette gr di sale, un cucchiaio di olio d’oliva, 150 circa di acqua tiepida. Ho fatto lievitare l’impasto per cinque o sei ore nel forno con la luce accesa e poi l’ho condito con le cose che piacciono a me. Ho cucinato in forno preriscaldato a 220 gradi per venti minuti.

 

chef

 

 

 

 

Il mio panettone col lievito madre


chef-anim-chef-cook-food-smiley-emoticon-000273-large.gif

DSCN2147

DSCN2149

Quest’anno aspettando il Natale e avendo il lievito madre, mi è venuta l’idea di fare il panettone, anche perché le uova che uso io sono sicuramente più fresche di quelle che negli anni passati ci hanno mostrato i servizi della televisione sui panettoni industriali. Così mi sono attivata nella ricerca , ho chiesto a una amica che aveva avuto esperienze positive e utilizzando la ricetta contenuta in questo link http://www.cookaround.com/yabbse1/showthread.php?t=182977 ho avuto un risultato che mi sembra soddisfacente. Mi sono slogata un braccio a girare l’impasto, dal momento che non ho la planetaria, ma è stato divertente seguire la lunga lievitazione, che io ritengo uno dei miracoli della natura, un misterioso alito di vita che si rinnova, dando preziosi frutti, se abbinato alla laboriosità e alla passione per l’arte bianca. Credo che ne farò un altro, magari dopo le feste, perché i miei assaggiatori, dopo aver puntualizzato che il sapore era un po’ diverso dal solito panettone, lo hanno mangiato di gusto ed è stato troppo poco…. magari mi faccio regalare la planetaria.

chef-anim-chef-cook-food-smiley-emoticon-000273-large.gif

I crispeddi ricotta e alici


crispelle2

Ieri sera ho fatto” i crispeddi “con le acciughe e la ricotta, ma le ho fatte col lievito madre, la pasta è venuta bellissima, elastica al punto giusto. In cucina si è creata un’aria di allegria, tutti hanno voluto farne una, con grandi impiastricciamenti di farina nelle mani, non mi hanno dato il tempo di metterle in un piatto per la foto, se le sono mangiate bollenti, man mano che le uscivo dall’olio. Cucina sottosopra, ma non mi importa, è stato bello e tutti hanno approvato la riuscita della ricetta. Quando faccio le cose nuove mi amano tantissimo. Devo dire che curare il lievito madre stimola la mia creatività e mi sta dando tante belle soddisfazioni! la foto è presa dal web!

600gr di farina 00

200gr lievito madre o 30 gr di lievito di birra

1 cucchiaino di sale

4 dl di acqua tiepida se si usa lievito madre liquido mettere meno acqua

100gr di ricotta

3 acciughe salate

Setacciare la farina in una ampia ciotola,

aggiungere il lievito sciolto in un pò d’acqua, impastare bene, aggiungere il sale sciolto in un po d’acqua e lavorare l’impasto per un quarto d’ora energicamente fino ad ottenere una pasta liscia ed elastica piuttosto molle che deve lievitare per quattro ore almeno (io la metto a lievitare nel forno spento con la luce accesa) se si usa il lievito madre, due ore se si usa il lievito di birra. Friggere i crispeddi in olio di semi alto, a piacere si può aggiungere anche un poco di strutto, prendendo la pasta con un  cucchiaio unto d’olio e inserendovi dentro pezzetti d’acciuga o ricotta molto asciutta di almeno due giorni, coprendo bene il ripieno. L’olio deve essere caldo, ma non caldissimo, perchè altrimenti i  crispeddi si cuocerebbero all’esterno restando crude all’interno.

chef

Ho fatto il pane!!!!


chef-anim-chef-cook-food-smiley-emoticon-000273-large

DSCN1948

Da un pò di tempo mi è tornata la voglia di impastare e leggendo qua e là sul web sono riuscita a coltivare il lievito madre, una creaturina meravigliosa che fa lievitare la farina. Ho incominciato così i miei primi esperimenti dell’arte bianca, vi ho mostrato già i grissini, l’altra sera ho fatto le pizze, oggi è la volta del pane, perchè il lievito madre una volta creato, invoglia a fare i prodotti da forno, altrimenti non avrebbe senso coltivarlo. Sono davvero soddisfatta, il pane è come una tua creatura, lo vedi nascere e crescere, fino a sentirne il buon odore in casa. Quando lo sforni e lo vedi così bello e croccante è una grande gioia per gli occhi e soprattutto per il palato. Devo dire che anche il risultato estetico è buono, perchè il pane deve essere anche bello da vedere.

dreamstime_1517183612