Archivio tag | notte

Io mi diletto: La mia poesia Lenzuola di seta


 

corso_pittura

1040093_585678181514827_281173906_o

Liscerò i tuoi capelli

o luna,

mentre intrecci

 i tuoi pallidi raggi

 ai nastri rosa dell’alba

 e il giorno si adagia

 sui seni delle nuvole.

Fugge la notte

e sul suo mantello

 le stelle

sono sogni rimasti a metà,

dove non arriva il cuore

 e la mente si accartoccia

 impaurita sul cuscino,

 tra nidi di capelli spettinati

 e sgualcite lenzuola di seta

che profumano di noi.

Maria Cavallaro@

 

297224_10150361060442528_606887527_8347112_882303351_n.jpg

 

 

 

Annunci

Io mi diletto: la mia poesia: Tastiere di corallo


Coby Whitmore rr rr

 

S’adagia la sera

come sposa

fra le braccia del giorno

che s’addormenta

e sul nero velluto

si specchia la luna

da sempre complice

d’ombre e d’amanti.

Poi il nulla risuona,

abbarbicato alle stelle

e spiamo

occhi di nuvole

transitare adagio

sulle rosee dune.

Indugiano mani vogliose

su tastiere di corallo,

a suonare melodie alate

e s’impigliano le dita

fra le carezze e i baci,

dove l’onda

più forte s’infrange

a cullare l’aurora.

MC@

 

A metà strada tra poesia e prosa: Passeggiata


2669772

47926175

Buon fine settimana!
I sogni sono come il fuoco, basta soffiarci sopra per non farli spegnere.

Passeggiata

Batteva l’ala del tempo
su quegli strati di silenzio
che avviluppavano la mente assorta
e mentre guardavo la luna
e il mare che placido la rifletteva,
mi pareva di sentire canzoni d’amore
perforare la quiete della notte,
i suoi veli di silenzio
e le seriche armonie del cielo.
Com’era bello tenerci per mano
e poggiare la testa sul tuo calore,
averti nei miei pensieri
e scrutare il lampo dei tuoi occhi
sul mio viso!
Ce ne andavamo
respirando quella quiete profonda,
tutto intorno sembrava dissolversi
e nella mente i pensieri
scivolavano senza far rumore
sui nostri sogni.
MC@

2txx9g4w

 

Io mi diletto: La mia poesia Pizzini


21-hyper-realistic-painting-by-kathrin-longhurst

Adagio

Cammino sui tuoi pensieri

Che assopiti

Sì specchiano nella notte.

Mentre tu muto

Scruti la mia fronte,

Mi spoglio delle mie malinconie,

Stanotte voglio essere

il tuo cantastorie

Per vivere un sogno

Che non può finire.

Scrivo per te

Con l’inchiostro dell’anima

Sui fogli

Del mio tempo che cigola

E tu li raccogli,

Sanno di buono

Come la mia pelle

Che trasuda emozioni

Quando anche tu scrivi

Su di me

Coi polpastrelli vogliosi

Pizzini d’amore

Intrisi di fantasia.

@Maria Cavallaro

Pubblicata su:

corrierepl-banner-300x96
http://www.corrierepl.it/?p=241203

La poesia per la nascita della piccola Greta Rosa


angel04[5]

neonata-5862948

Piccolo fiore

*****

Hanno indugiato
gli angeli
a dipinger di rose
le tue guancine tenere,
le manine preziose.
E nella notte un petalo,
caduto giù dal cielo,
ha disegnato esile,
della boccuccia il velo.
Alfin nel picciol pianto
d’amor s’è acceso
il cuore
e la vita t’ha dato
per noi,
piccolo fiore.

Maria Cavallaro

angel04[3]

copyright-all-right-reserved_thumb

Io mi diletto: la mia poesia


hg9evbx0iwh

Come le foglie

*****

Carico di stelle
si allontana il cielo
su di noi
e a passi di velluto
piove il silenzio
sulle nostre anime,
ultime foglie
d’un albero antico,
appese nel vento d’amore.
Ebri
restiamo
avvinti a un desiderio,
ci copre la notte,
finchè l’alba
spegnerà i suoi colori
nell’onda,
che lambisce pigra
un vecchio tronco
insabbiato,
muto guardiano
d’amanti
e di tempeste.

Maria Cavallaro

5qc82jx1uom

copyright-all-right-reserved_thumb