Archivio tag | novembre

Fiori di novembre


 
 01nov2016home
cristantemi-fiori-novembre-1024x571
Sale nell’aria mesta
odor di cannella
e chiodi di garofano
e il cielo triste
lascia cadere nel mattino
le sue lacrime pesanti.
Oggi festeggiamo i santi
e occhieggiano qua e là
fiori di novembre,
odorosi e croccanti,
colorati e soffici,
per i morti un pensiero
a rallegrar le vie del cimitero.
MC@
 

 

Annunci

Pensieri di una giornata uggiosa.


 

 

Le giornate uggiose mi mettono malinconia, mi intristisce questa penombra che appare di prima mattina e il giorno sembra quasi essersi svegliato senza il miracolo dell’alba. I colori del mare coperti dal grigio argenteo, non hanno sfumature, sembrano quasi riflettere il lutto di questo cielo di fine autunno e generano pensieri dolceamari che si mescolano agli odori di caldarroste e vino nuovo. La noia di queste mattinate di novembre è spezzata a momenti dal canto di uccellini frettolosi che beccano il muschio nuovo e cercano affannosi fra le foglie morte, ai piedi del rampicante nel cortile silenzioso. Apro le imposte e respiro aria di pioggia, forse più tardi pioverà, me lo dicono i nuvoloni che coprono l’Etna già innevata e quella strana luce bianca che incombe dall’est. Me l’hanno insegnato i marinai, che leggono il cielo e se ne stanno chiacchierando sul molo, con l’aria preoccupata di chi fiuta il maltempo e si affretta a tirare a secco la sua barca.

 

39ff6f80

Novembre


01nov2016home

1526447_638545506191193_1434532288_n

 

Novembre triste e stanco
ci invita al camposanto,
i morti ad onorare,
i santi a festeggiare.
S’indora la campagna,
matura la castagna
e il sodo melograno
di rossi chicchi è pieno.
I funghi si nascondono
sotto le foglie morte,
che al passaggio risuonano
dell’inverno alle porte.

Maria Cavallaro@

arredare-casa-halloween-400x601

Profumi di novembre


11novembre2013

e023d591Scivola ottobre stanco
sul suo tappeto di foglie
ingiallite e trite
e novembre gli porge la mano
dalla solitaria panchina
sotto i castagni spogli.
Sale l’ odore
del giovane vino
e opulenza di funghi
s’aggiunge
all’umido effluvio
della terra bagnata,
nel grigio,
dopo la pioggia.

Maria Cavallaro

@

dqw8RYz

Impressioni dal mio paesino


14167527-estate-sfondo-con-la-barca-dom-onde-e-nuvole.jpg

1392026_699379653406169_1659237645_n 

Ancora una bellissima giornata, una luce stupenda, forse novembre si è stufato di essere il primo mese d’inverno e porta ancora i colori estivi. Sono stata fuori, il mio paesino stamattina si specchia in un mare favoloso, sembra il capriccio di un pittore, la gente passeggia in maniche corte sulla piazza assolata e su una bancarella di extracomunitari sventolano scialletti di seta dalle tinte vivaci e qualche irriducibile nuota nella piccola baia o si stende al sole sull’arenile lasciato vuoto dai gommoni e dalle barche dei villeggianti. I pescatori da diporto dondolano con le loro barchette e sperano in un pesce di fortuna, nascondendo il capo sotto i cappelli di paglia. I gabbiani volano alti disegnando arabeschi nel cielo limpido, manca solo la confusione estiva, lo scorazzare dei motorini, le macchine numerose che cercano parcheggio, in cambio regna una grande serenità, mentre le persone escono dalla chiesa e si avviano lentamente verso casa per ultimare il pranzo domenicale. 
Foto Salvo Greco
1465159_699379766739491_256374718_n
2h3u0r4

Benvenuto novembre!


  

Salutiamo novembre, il mese delle zucche gialle, dei loti, delle castagne, dei vigneti rossi e dagli scricchiolanti tappeti di foglie morte. E’ tripudio di crisantemi dai tanti colori, che onorano i morti nei cimiteri. C’è intorno un’aria di attesa, piena di profumi nuovi, odore di caldarroste si diffonde nella sera ed è piacevole andare per sagre, a sgranocchiare un panino funghi e salsiccia in compagnia. Oggi è la festa di Ognissanti, mi ricordo altri anni andavamo già con le giacche e le scarpe chiuse, ma questo è un autunno strano, il clima di Sicilia è strano, si avvicina sempre più al clima africano. Ancora andiamo vestiti con le cose estive e molta gente continua a fare i bagni. Fra il giorno e la notte c’è una lieve escursione termica, che risulta peraltro piacevole, però la natura ha bisogno di acqua e anche noi sentiamo il bisogno di un pò di frescura, dopo tanti mesi di caldo, ma al tempo non si comanda. Di contro, i turisti stranieri godono di queste giornate straordinarie, di questa luminosità estiva, di questo mare piatto e limpido, sono veramente vacanze da ricordare! Per noi  il turismo è la sola ricchezza, grazie alle bellezze paesaggistiche e culturali e al tepore del clima, che permette piacevoli escursioni, si cominciano a vedere tante facce nuove, anche nei paesini come il mio, speriamo che il settore cresca, l’Italia non finisce a Reggio Calabria, ma anche la Sicilia, antica culla di civiltà, che ha visto il passaggio di tante dominazioni, offre ai visitatori vestigia di rara bellezza incastonati in una natura straordinaria.