Archivio tag | nuvole

Io mi diletto: la mia poesia Ragazzi nel sole


2rfea1e

554148_452971228146284_973619754_n

Estate controvento,

di gabbiani scomposti in volo

e ombrelloni raccolti,

pioppi colorati e tremuli

nel sole del mattino.

Estate di ragazzi,

quelli di un gelato in due,

che si baciano nel sole

incuranti

e si ritrovano a sera

dividendo un panino a metà.

Dolce è la stagione

di amori di paglia,

di corpi fragili nei parei

colorati e sottili

di capelli bagnati

e gocciolanti

tra una lacrima e un sorriso.

E si lasciano contare i giorni,

di pelli bruciate

e di sospiri salmastri,

mentre in cielo

si intravede già la fine,

come di sposa vestita di nuvole.

MC@

 

Io mi diletto: la mia poesia: Tastiere di corallo


Coby Whitmore rr rr

 

S’adagia la sera

come sposa

fra le braccia del giorno

che s’addormenta

e sul nero velluto

si specchia la luna

da sempre complice

d’ombre e d’amanti.

Poi il nulla risuona,

abbarbicato alle stelle

e spiamo

occhi di nuvole

transitare adagio

sulle rosee dune.

Indugiano mani vogliose

su tastiere di corallo,

a suonare melodie alate

e s’impigliano le dita

fra le carezze e i baci,

dove l’onda

più forte s’infrange

a cullare l’aurora.

MC@

 

Felice estate !


 Tutti%20al%20mare%203

Estate sulla scogliera

Un soffio di vento caldo
ha sciolto la cima del vulcano
e già l’estate
bagna le sue grazie
nell’azzurro di cristallo.
Qui si specchiano i gabbiani,
nell’assenza delle nuvole
e di colori si veste
l’ebano delle pietre antiche.

Buona domenica e felice estate a tutti!

Evasione


94028

17443-Shabby-Chic-Porch-Furniture

E’ lì che mi piace stare,
tra cuscini di sogni
e panchine di nuvole,
dove sbocciano
i fiori del mattino
e il cavo del cielo
risuona di alati canti.
Dove le farfalle
stanno in equilibrio
sui raggi di sole
e la luna si addormenta
nel seno dell’aurora,
è lì che mi piace stare.

@ Maria Cavallaro

fiml7bfz7fd (1)

Io mi diletto: La mia poesia Come l’onda


 

 

 

 sagome-di-coppie-di-innamorati_18-9057

Immersa

nella liquida carezza,

mi attraversa l’onda,

leggera,

come scivolar

di corpi innamorati,

nel fresco abbraccio

d’un talamo di seta.

Così t’amo

come l’onda

dove si spegne il giorno,

fra le braccia della marea.

Così m’ami

sulla pelle che ti cerca,

nel silenzio delle notti insonni

fra un sussurro e un battito,

e come ha scritto il tempo,

fra cirri e alate nuvole ,

nel rosa che si spegne lentamente.

Maria Cavallaro

5oqrdmaf.gif

 copyright-all-right-reserved_thumb.jpg

 

 

Il mio balcone


DSCN1994

Il mio balcone è come il palchetto d’un teatro, dove a volte me ne sto, gustando il silenzio del crepuscolo, intenta a guardare le trasformazioni delle nuvole quando il vento le spinge… ecco un grosso caimano dalla pancia scura e il dorso bianco, il muso allungato le forti zampe, fantastico! Poi pian piano il muso s’allunga si assottiglia, si diluisce nel vento e il tozzo corpo si trasforma si allungano le zampe e il caimano diventa un barboncino… ecco la piccola testa il musetto le orecchie un batuffolo peloso accoccolato bianco, che si allunga piano e si dissolve. Mi distraggo un attimo attratta da una frotta di bambini che giocano in fondo alla via facendo giochi d’acqua alla fontanella e per un attimo ritorno in una dimensione antica, come inghiottita da una moviola, ho un attimo di smarrimento, non capisco se sono lì adesso o era trent’anni fa… rivedo mio figlio che corre giocando con l’acqua nella stessa fontana. Alzo gli occhi per tornare alla nuvola, è sparita sulle ali del vento, o forse non c’è mai stata.

Proiezioni *** Io mi diletto, la mia poesia


 

DUANE-MICHALS_-Dr-Heisenbergs-Magic-Mirror-of-Uncertainty-1998-5

Danzano

proiezioni d’immagini

distorte nel riflesso

di uno specchio mendace

e corre nel vento,

la malinconia 

di nuvole che si rincorrono

nel cielo,

audaci,

come le tue mani su di me,

mentre il cuore canta

ch’è tempo

d’amare ancora.

Annusiamo

questi fiori di libertà,

trapuntati

sul lembo

d’un lenzuolo d’anima,

strappato

in un percorso di rovi,

dove matura luccica

quest’ultima

bacca di rosa canina,

rossa,

nella sfiorita stagione.

Maria Cavallaro

copyright-all-right-reserved_thumb_thumb.jpg