Archivio tag | odori

Aria d’estate


Creddy20

giugnoimm

 

Nell’aria sbiadita
si dissolvono odori
di papaveri nel grano
macchiati di surfinie
e di caffè.
Immobile sento
i sudori che salgono
e l’arsura.
Poi sulle ali di uno spiffero
aspetto il raffreddarsi
dell’immenso
che brilla nella luna
quando è sera.

MC@

 

0qaqemvpzdg

 

 

Due poesie per emozionarci un po’!


anyaflower4630yi

Maestrale

1000648_643357642385573_931391635_n

Petali bagnati

sui laghi della coscienza

attutiscono i rumori del cuore

mentre come soffio di vento,

turbina l’amore

e il tempo grida

le sue rughe

sui volti lavati dalle tempeste.

Giaccio all’ombra delle mie attese

e scorgo i miei pensieri

in fila,

silenziosi e muti,

diventar sorrisi e coccole

per ingannare le angosce

d’un vuoto

che non si colma

e conficca le sue mani adunche

nelle anse della mente,

che tace

come acqua cheta

che attende il maestrale.

@MC

 

anyaflower4630yi

 

 

Odori dell’anima

COPPIA ABBRACCIATA DI SPALLE

 

Turbina l’anima

in questo pensiero sciolto

e mi lascio andare

come su un prato di margherite,

dove ti incontro ogni giorno

come tanto tempo fa.

Non ho tempo per fuggire,

sono le tue mani che voglio

e corro come allora

nel pensiero di te,

mentre l’anima

turbina

e s’adagia

tra odori di zagara

e limoni.

@MC

bdrwk2

 

 

Io mi diletto: La mia poesia


buonanotte2023_thumb.gif

223712

Pensieri sull’onda

Alchimie di pensieri
si mescolano
ai colori del cielo
che baciano l’onda
e odori forti
mi avvolgono
in un abbraccio di salsedine.
Mi assento dalla realtà
come a inseguire
mani d’amore,
scivolare piano
sulla mia pelle distesa
mentre seduta,
mi immergo
in questa atmosfera,
ad ascoltare rapita
il bianco delirio delle schiume,
intente
a levigare lo scoglio
che affiora,
cuore di pietra
insensibile ad ogni carezza.

Maria Cavallaro

fantasia20gif20fantasy20glitter20333.gif

copyright_logo

 

Io mi diletto: La mia poesia


Vento d’aprile

Odori di stagione

si confondono

nell’ala calda del vento

e radente il volo

d’un gabbiano

si dissolve

nei cristalli dell’infinito.

Come stupore

di bianchi petali,

mi accarezza l’aria,

tagliando

le onde salmastre

nel rincorrersi

instancabile

di frantumate schiume.

E tra un piegarsi di fronde,

nella musica

di una vecchia canzone,

cerco un abbraccio,

quasi trascinata

nel ballo sensuale

d’un amore antico,

che ritorna

nel vento d’aprile

e mi dipinge l’anima.

Maria Cavallaro

Io mi diletto: La mia poesia


 

Odori d’oriente

 

Danza nella notte

l’anima mia di veli cinta

e di carezze generosa,

indugia

sui volti del tempo,

ad afferrare

mani tese nel vento.

Sento

desideri d’albe nuove

e il cuore

gemere

nel silenzio di quest’aria,

che frizzante,

dall’onda sale

a ristorare

i sensi confusi.

E mi adagio

nel tuo profumo

che odora d’oriente.

mentre raccogli

nella penombra

con labbra di fuoco,

brividi sulla mia pelle,

al ritmo

d’ una musica lontana

che di vita odora.

 

Maria Cavallaro

fuego19

copyright-all-right-reserved