Archivio tag | onda

La mia poesia ” Ciottoli “.


lillc3a01

179178_439398616091341_282496613_n

 

Rumoreggia il silenzio
nella penombra soffusa
e come onda lieve
s’adagia sui ciottoli annosi
trascinandoli,
instancabili pensieri,
inutili spremute di meningi
arrossate
dal logorio della vita che arranca.
Nel tumulto del cuore
fisso la meta,
luminoso pensiero
che bevo d’un fiato
e non dormo,
ma ancora non luce il giorno
e l’occhio umido si nasconde.

MC@

 

anyaflower4630yi

Annunci

La mia poesia: Vuoti


c02565be

donna-mare

Navigare
in questi vuoti incolmabili,
per incontrare
macigni di pensieri
e ghiacci affioranti
nel mare dei sogni
e poi sedersi
con le spalle curve
sotto il peso
di sfiorate solitudini
a sorseggiare l’attesa
con lo sguardo al mare,
che insegue l’onda
e sulla sabbia si adagia
placido.

MC@

 

528b7-barcasulmaregif

Visione d’autunno


 

 

Mi sciogliero’ nel vento

Come ala di gabbiano

E di sogni riempiro’

Cornucopie di nuvole

Che  si intingono soffici

In questo mare,

Di giada e lapislazzuli

E luccica d’argento

trafitta da un raggio di sole

L’onda pigra,

Dove lontana va

La vela

Navigando il silenzio

Nel vento che spira

Tra le tele antiche,

Maestre di solitarie rotte

Adagiate sul petto dell’orizzonte.

MC@

Immagine correlata

La mia poesia Virgole


 

 

 

Virgole nel cielo questi gabbiani
che racchiudono il silenzio
in un battito d’ali,
scendono a sfiorare l’azzurro
specchio della loro anima inquieta
e della mia,
allorchè mi abbandono
alla culla dell’onda gentile
che lambisce i miei pensieri,
come conchiglie spiaggiate
dalla marea.

MC@

 

 

Io mi diletto: La mia poesia “L’anima del tramonto”


untitled.png
 
Cessato è il vento
e di profumi l’incanto,
guardo il blu che al grigio tende
e l’occhio
tutto non coglie
e immagino orizzonti nuovi
al di là di quello
che una piccola nave
solca silenziosa.
Seduta
attendo l’onda
che ancora vive
e scema piano
come un battito
sul cuore di pietra
e sento
l’anima del tramonto.

@MC

e7f221edfb2ce85a37df0c8bcc5e3f62.gif

Io mi diletto: la mia poesia Sintesi di luce


2txx9g4w

lvw9gzf50ue

Cerco appendici di luce

nei nostri arcobaleni di sabbia,

luce nel meriggio che

che incombe infuocato e stanco,

e nei tuoi occhi di giada

catturo pagliuzze d’oro,

sintesi estrema

di illuminati specchi.

Noi e la luce,

simbiosi catartica

di una vita che percorre

parallele di sentimento

e giorni pigri,

dove è l’attesa che urge

su binari di fantasia,

distesa e inerte

in un lambire d’onda,

accarezzata

dalla tua mano d’amore.

Maria Cavallaro

@

94028@

Io mi diletto: La mia poesia Allegorie di sale


Luce_sui_corpi

Vivo i miei giorni sospesi

alla coda del tempo,

inesorabile chimera

di vite caduche,

di corpi in trasformazione

e chirurgia plastica.

Vivo i miei giorni

come un’onda

che insegue il vento

e poi s’arresta

per voltarsi indietro

e sommersa da un’altra onda

si scioglie in allegorie di sale.

Vivo dove tu sei il mio vento,

l’onda che mi insegue

e nelle mani raccoglie

i miei sogni,

le mie fragilità,

il peso delle mie paure.

Maria Cavallaro

@

11009157_805783526158082_2523892114743420993_n