Archivio tag | pescatore

Io mi diletto: La mia poesia Pelle bagnata


kati__gif_320_320_256_9223372036854775000_0_1_0

 

6919746-md

Ho calato le mie reti

insieme a te

mio pescatore,

in questo mare di zaffiro.

Mentre respiro il vento

stringo voli di sabbia

che l’aria porta via

e si nasconde il cuore

tra alghe spiaggiate

e suoni di conchiglie.

Sveglia tra questo

stormir di pensieri,

vesto d’ombre la luna

e il tremolio dell’onda

mi solletica l’anima,

come un lento scivolar di mani

sulla pelle bagnata.

dopo il temporale.

MC@

Rose

 

Annunci

Settembre in Sicilia


Settembre in Sicilia è un’appendice d’estate, calda e asciutta che odora di mare e di mosto allo stesso tempo. I colori del mare cominciano a rivestire una leggera patina di grigio e la spiaggia si spopola piano piano, ma per chi come me e mio marito ama questo tempo, col mare calmo e la spiaggia tranquilla, è una delizia nuotare al largo nell’argento che friccica riflettendo la luce del sole non più allo zenit. Volano alti su di noi stormi di aironi che si perdono nel sole ed è un privilegio poter vedere dal mare l’Etna che fuma tranquilla coi suoi due pennacchi grigi. Un gabbiano solitario se ne sta immobile su uno scoglio e ci guarda arcigno con quel suo occhio rotondo, quasi a volerci cacciare via dal suo spazio. Ogni tanto si tuffa, nuota un po’ , poi scrollandosi le piume risale sulla sua isoletta come un guardiano attento e severo, beccando di tanto in tanto qualche erbetta o qualche pulce di mare, oppure spicca un volo radente e si sposta su un altro scoglio. Non gli mancano piedistalli sulla scogliera, che orla il mare come un nero merletto immobile e pittoresco nella sua secolare imponenza e i pescatori dallo scoglio, immobili e pazienti sembrano piccoli pastori d’un immaginario presepe marino. A volte, quando il mare è molto calmo come spesso accade in questo periodo, ci spingiamo più a largo fino a scorgere il tetto della nostra casa, che appare piccola , uno spicchio di rosso tra tanti altri tetti che noi riconosciamo subito grazie al terrazzino che guarda a sud come un occhio magico. A settembre cambiano i colori e i profumi si fanno più intensi e scende sottile un velo di malinconia, ma è piacevole per noi che restiamo qui, vivere intensamente questo spegnersi lento quasi indolore della stagione estiva, che lascia il posto a un periodo dolcemente amaro: è il nostro autunno, simile a una seconda primavera e mentre la calura si spegne a poco a poco, poi, tutto d’un tratto, qualche pioggia e arriva l’inverno!

Diapositiva d’inverno


14167527-estate-sfondo-con-la-barca-dom-onde-e-nuvole.jpg

argentarionencio5

 

Vive il sole nel mattino d’inverno e sveglia il desiderio di fare. Accarezza le narici l’odoroso effluvio del rosmarino in fiore, minuscoli bocci che sfidano la stagione e colorano di lilla la siepe su cui si attarda il pettirosso goloso. Vive la stagione negli infreddoliti pensieri, nei nuvoloni neri, che fanno cappello ai brontolii del vulcano, vive nella barchetta lontana, nel curvo pescatore che esplora l’onda e la sorte con la gelida mano. Vive questa diapositiva, vive nel lungomare deserto, dove invano zampilla solitaria la fontana, vive nei ragazzi che han marinato la scuola, per baciarsi al sole, vive nel pennello d’un pittore che lieve lieve accarezza la tela, seduto su uno scoglio per imprigionare il mare e quella piccola vela bianca sul filo dell’orizzonte, dove l’azzurro nell’azzurro si fonde.

acqua-animata3_thumb.gif