Archivio tag | petali

Pensiero in fiore


85c1a-divisorio2bestate

corso_pittura

I fiori senza tempo colorano sempre.
Ecco così io mi sento, un fiore senza tempo che colora sempre, anche nei giorni di pioggia, coloro le tristezze e le malinconie, coloro il pianto, vivo della luce che ho nei miei petali d’eterno.

anyaflower4630yi

 

 

Annunci

Io mi diletto: La mia poesia Quel bacio.


 

294hqag

 

Scritte sul pelo dell’acqua

tremule s’allontanano

parole d’amore

e lancio i miei sassi

nello stagno del cuore

dove cerchi s’allargano

e portano con sè 

quest’ultima foglia.

Camminiamo

sull’orlo del tempo

e mi appoggio alla tua mano

che ha colto una rosa

dove nascondere i miei sospiri

e in quel profumo di antico

che sa di petali e spine,

cerco ancora quel bacio

rimasto impigliato alla penombra

d’un gelsomino in fiore.

Maria Cavallaro@

 

Il profumo delle rose


kati__gif_320_320_256_9223372036854775000_0_1_0

271178_419108004820504_757442047_n

E’ bello odorare le rose appena sbocciate, hanno ancora intatto il loro profumo. Bisogna amarle in fretta, perchè la loro vita è così breve! Non fai in tempo ad innamorarti che già sono sfiorite e perdono tristemente quei petali che sono stati il loro orgoglio.

2txx9g4w

Io mi diletto: La mia poesia


 

 

Silhouette d’amore

 

Brezza di sale

su petali di rosa,

le mie labbra

che attendono

polpastrelli di velluto

e calore di baci.

Nella notte,

dove mi allontano,

silhouette d’amore

che ha spento il tempo,

vivo finchè sarà

il mio giorno infinito.

Amo

il nostro ritrovarci

in questi chiaroscuri

d’attese,

animi protesi

che si cercano,

come mani di alberi

sfuggiti alla tempesta

in un cielo di nuvole.

Maria Cavallaro

217215_1955375454063_1533014630_32186939_1712724_n1.jpg

Io mi diletto: La mia poesia


Nell’alito d’un bacio

Ti ho ritrovato

nei petali d’un fiore

essiccato

tra le pagine

d’un volume ingiallito

e ho annusato il tempo

nell’eco d’una storia,

scritta

con briciole di sentimento.

Riflesse

nell’alito d’un bacio,

ho evocato

ali di farfalle dipinte

nel velluto

delle tue carezze

e guardando l’onda 

del nostro mare,

ho scritto t’amo

nelle sue trasparenze

di cerulea luce,

dove l’aurora

ha inghottito nell’oblio

le bianche vele

d’un sogno,

svanito là

dove il mattino

avvolge di fantasia i ricordi.

Maria Cavallaro

Io mi diletto: La mia poesia


 

Sarò farfalla

Dove corre la vita

rimbalza il mio tempo,

come biglia di vetro

sul lucido

di pregiati marmi

e si frantumano i giorni

nell’inerzia

di indicibili attese.

Leggo

solchi d’ansia

scritti

sul tenue velo

che mi avvolge il  cuore

e come paziente crisalide,  attendo

d’ali

un vellutato battito

e sarò farfalla,

vogliosa d’ inseguire il canto

d’un poema d’amore

scritto su petali di rose.

 

Maria Cavallaro

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Io mi diletto: La mia poesia


 

Spiaggia d’inverno

 

A piedi nudi

andiamo

sulla sabbia dorata

e la carezza dell’onda

sui nostri passi s’affretta,

come la tua mano

a cingere i miei fianchi.

In un raggio di sole sfocato,

il tuo viso indugia

a cogliere sul mio

perle di sale

e sulle ali del vento

come vascelli,

spiegano le vele

i nostri cuori……

Ci incamminiamo

e rossi dietro di noi,

rotolano lesti,

i petali della rosa

che mi avevi donato.

 

Maria Cavallaro

rosa

 

  

Dal 2000 in base alla legge 248: “….tutti i testi che vengono pubblicati in internet sono automaticamente protetti dal diritto d’autore. L’art. 6 della legge 633/41 stabilisce che ogni opera appartiene , moralmente ed economicamente, a chi l’ha creata .. Pertanto e’ illegale (legge 22 aprile 1941, N° 633- legge 18 agosto 2000, N° 248, copiare, riprodurre ( anche in altri formati o supporti diversi), pubblicare parte di essi se non dietro esplicita autorizzazione.. La violazione di tali norme comporta sanzioni anche penali… ” L’autore scrivente: Maria Cavallaro intende avvalersi di tale legge per eventuali furti di poesie, o stralci di esse, pubblicate.