Archivio tag | poesia

la mia poesia : L’ultima rosa


 

ct38dxut.gif

 

12121_4834653625704_1043795160_n

Tesse l’anno l’ultima tela
e poi sarà il domani
come l’oggi,
cambia il nulla,
nelle rughe dell’anima
tremule immagini
dei tempi andati,
e spighe di pensieri
che il mulino non macina più,
stanco è il ruscello
e respiro l’ultima rosa
sul secco ramo d’inverno. MC@

22863-koledna_kamina

Annunci

La mia poesia: Acquerelli d’inverno


1223553f9703929c235a7c9e0c85aa00

 

14100398_1204210829650848_3719442508638701635_n

 

Nel silenzio dei sogni
navigano parole
non dette
su barche sbiadite
e remi di carta
spingono
acquerelli d’inverno
gelati
sui tetti rossi.

MC@

fc237e4ec554d3f968d9f578f2adef97

La mia poesia “Moccoli”


 

999306_10201619804631223_1968430926_n

 

 1412c5dabcb29ddd6a7479251535fc33

Lago di cera
dove affogano i sogni,
moccoli di candela
fumanti e madidi
nella mente stanca.
Guardo indietro,
nell’immobile fissità del tempo
e annaspa la mente
tra musiche di progetti spiaggiati,
accarezzando come onda
pensieri d’altri tempi,
solitario gabbiano bianco
sulla nera fissità
della scogliera. 

@MC

120039ve0jnwuiqu

La mia poesia “Pallida luna”


c5c6c-margherita

tumblr_o8q056TTLW1rpco88o1_500

Non ci sono farfalle
nel grembo della luna,
né chiavi per aprire il cuore
e non ci sono fiori
da gettare alle spose
né riso di bimbi
e non ci sono spose,
solo il pallore
di una finta luce,
a biancheggiare,
ne gote rosse da baciare,
è sempre uguale la luna,
mostra la stessa pallida faccia
e nell’altra metà perfida si nasconde

MC@

sandra01
 

La mia poesia “Come un piccione”


 

barrafloresctv15a

 

KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERA

 

Controvoglia mi abbandono
come un piccione,
su un ramo contorto
di pensieri solitari,
navigo
nello stupore
di giorni andati
e adesso,
pettino altri giorni
senza sogni,
dove gli occhi stanchi
si chiudono a metà
sbirciando
tra il sorriso e il pianto.MC@

 

barrafloresctv15a

La mia poesia ” Ciottoli “.


lillc3a01

179178_439398616091341_282496613_n

 

Rumoreggia il silenzio
nella penombra soffusa
e come onda lieve
s’adagia sui ciottoli annosi
trascinandoli,
instancabili pensieri,
inutili spremute di meningi
arrossate
dal logorio della vita che arranca.
Nel tumulto del cuore
fisso la meta,
luminoso pensiero
che bevo d’un fiato
e non dormo,
ma ancora non luce il giorno
e l’occhio umido si nasconde.

MC@

 

anyaflower4630yi