Archivio tag | stelle

Io mi diletto: La mia poesia Lenzuola di seta


 

corso_pittura

1040093_585678181514827_281173906_o

Liscerò i tuoi capelli

o luna,

mentre intrecci

 i tuoi pallidi raggi

 ai nastri rosa dell’alba

 e il giorno si adagia

 sui seni delle nuvole.

Fugge la notte

e sul suo mantello

 le stelle

sono sogni rimasti a metà,

dove non arriva il cuore

 e la mente si accartoccia

 impaurita sul cuscino,

 tra nidi di capelli spettinati

 e sgualcite lenzuola di seta

che profumano di noi.

Maria Cavallaro@

 

297224_10150361060442528_606887527_8347112_882303351_n.jpg

 

 

 

Annunci

Io mi diletto: La mia poesia Trapezi


fleurminiroses3.gif

gianni-bellini-1965

Ascoltami

nel ricordo d’un bacio,

dove il tempo ha scritto

pagine di luce

coi riflessi dell’iride.

Ascoltami

nel pensiero d’un sogno,

cui ci siamo aggrappati

fino alla riva della memoria.

Ascoltami

in questa inesorabile clessidra,

che divora granelli d’amore

e riempie vuoti fatui

di cuori in cammino,

funamboli sospesi

ai trapezi delle stelle,

che si rincorrono

nel dondolio

di radici strappate

a queste ali senza tregua.

Maria Cavallaro

fealqofj2socopyright-all-right-reserved_thumb.jpg

Io mi diletto: Poesia d’estate


1359083zjgn5yh9qt

Estate

Giovani amori

*****

Vivi l’estate
di colori
di amori.
Vivi l’estate di stelle,
ora,
sotto il velluto del cielo
e al rumor dell’onda,
che accarezza la sabbia
e il cuore.
Le tue mani
diventino
vele sul suo viso
e i tuoi baci
brezza gentile.
Ama ora,
nel sole,
ora che tenera
è la tua stagione
e lenta pare
la corsa del tempo,
nella fugace attesa
del giorno  nuovo.

Maria Cavallaro

14167527-estate-sfondo-con-la-barca-dom-onde-e-nuvole

copyright-all-right-reserved_thumb

Io mi diletto: la mia poesia


hg9evbx0iwh

Come le foglie

*****

Carico di stelle
si allontana il cielo
su di noi
e a passi di velluto
piove il silenzio
sulle nostre anime,
ultime foglie
d’un albero antico,
appese nel vento d’amore.
Ebri
restiamo
avvinti a un desiderio,
ci copre la notte,
finchè l’alba
spegnerà i suoi colori
nell’onda,
che lambisce pigra
un vecchio tronco
insabbiato,
muto guardiano
d’amanti
e di tempeste.

Maria Cavallaro

5qc82jx1uom

copyright-all-right-reserved_thumb

Io mi diletto: La mia poesia


4070906_large

Conchiglie

Pensami questa notte,

dove si bagna la luna

e le stelle

frantumano

briciole di sogni.

Lì camminerò,

musa scalza

sul bagnasciuga della vita,

per raccogliere conchiglie

e ascoltare il tempo.

Vieni,

indosseremo

ali di vento

per sollevare piume d’anima

e sussurrare amore

sul mare del silenzio,

dove anche il pensiero

è rumore.

Maria Cavallaro

fuego19copyright-all-right-reserved

La poesia di San Valentino


ann_rose_kupu33.gif

Vorrei seguire ogni battito del mio cuore per capire cosa succede dentro e cos’è che lo muove… Da dove viene ogni tanto questo strano dolore…Vorrei capire insomma che cos’è l’amore…Dov’è che si prende, dov’è che si dà.

(Lucio Dalla)

san-valentino-39Tenerezza

Tenero,

quest’amore

schiude le porte della notte

grida alla luna il tuo nome.

  Rimbalza

sulle stelle,

 come il suono

di mille campane

e fino a te echeggia

per le valli del cuore.

Maria Cavallaro

sanvalentino19

copyright-all-right-reserved