Archivio tag | vita

La mia poesia: Pescatori


a00bd768d33342acb344c95d5e9a7c10

 
henry-Asencio-570x356

Langue e si trascina
furba di giorni che si piegano
sulle albe rosee
e sui rossi tramonti,
è la vita che ci segna
di solchi lungo il viso
e ci rende tutti pescatori.
Qui
accoccolata su di me
ho paura del mio silenzio,
mentre rumoreggia la giostra
e si veste di attese
l’alba sul cuscino.
Apro gli occhi nel tuo respiro
tranquilla ti sfioro
è già domani
anche per noi.

Maria Cavallaro@

 

Book-and-Rose-Art-Wallpaper-PC

Annunci

La mia poesia: Catene arrugginite


 

il_570xN.569621946_li8h.jpg

Spiragli di sole
su accozzaglie di catene arrugginite
sono brividi di speranza,
che languono sulla battigia
dopo il naufragio,
fra alghe morte,
reti a brandelli e sabbia fine.
Questa è la meta
di uno strano ciondolare
che appassisce i giorni
e spegne il cuore
dei vecchi barconi smessi,
che si consumano
per tornare polvere.
Così è la vita,
un barcone smesso
che si consuma lentamente,
tra spiragli di allegria e pianto.

 

MC@

Lid5bMbeT

 

 

La mia poesia: Colori


xudozhnik_Ewa_Bartosik_12

28056757_1906224319449492_1492750124607248965_n

 

Mi specchiero’
Dove finiscono i colori
Di questo arcobaleno di vita
Che attraversiamo stanchi ,
Come falene
Dalle ali arrugginite
E nulla vi chiederò
Di questo vagar dell’anima,
Forse percorrerà
Lingue d’asfalto
Per giungere
Dove il cerchio si quadra
E accoccolata
Immobile,
Sì sciogliera’ dai vincoli
Quando sarà
il suo tempo attonito. MC@

depositphotos_32257865-Spring-violet-flowers-on-mountain

 


Geranium Waves Circles Circle Water Rings Wave

Ci sono giorni che passano mentre viviamo le nostre attese e ci guardiamo intorno smarriti chiedendoci” Cosa ci faccio qui?”. Poi è il nostro momento e ci sembra eterno e urge nel petto la voglia di fuggire, dileguarci in silenzio senza voltarci indietro.

Scacchi di vita

tra pause

e malinconie,

viverli nonostante,

quei giorni che ci appartengono

e trovare

che altri abissi

convivono

con la vita di volti pallidi,

bruciati dalle cure

sui quali si accendono

emaciati sorrisi

nonostante.@MC

 

Siamo dei passanti!


 

0qaqemvpzdg

madre-e-figlia-su-una-collina

Siamo padroni solo del tempo vissuto, per il resto, come passeri affamati, becchiamo briciole di felicità, ma non siamo padroni del nostro futuro. I sogni ci aiutano a vivere perchè sono intrisi di speranza e addolciscono le nostre attese, ma intanto viviamo nell’incertezza di una realtà che ci avvolge come un bozzolo malefico, che comprime le nostre piccole gioie offuscandole con la paura di perderle. La politica, le tasse, gli attentati, le malattie, il lavoro sono i peggiori incubi che si addensano all’orizzonte di una vita semplice, ben lontana dalle pensioni d’oro e dai vitalizi, che vede negati anche i più naturali diritti, come il diritto alla dignità della vita, che nel lavoro trova il suo appagamento. Siamo dei passanti che si siedono all’ombra ad aspettare e strizzano gli occhi cercando nella foschia uno spiraglio di luce.

 

c5540-uccelli

 

Io mi diletto: La mia poesia Viaggi


24euemf
 aa9c4e747a82dab5cdb6a14969b6a0b9
Non sai
cosa si perde,
ad aspettare il treno,
è la vita che scorre
e ti chiedi
se arriverà il tuo
domani,
o forse mai
chissà.
Non sai
se d’aria un soffio
cavalcherai,
o se i piedi pesanti
attenderanno
saluti anonimi
dai finestrini,
icone mobili
alla stazione.
@MC
24euemf

Io mi diletto: La mia poesia Come foglie


Alberi i sogni

e noi foglie perdute,

ingiallite icone

rigirate dal vento,

ci fermiamo

ai margini del silenzio

e ci teniamo per mano

per non smarrire il cammino.

In questo clamore che assorda,

Settembre

alita sui giorni

un ultimo soffio di vita

e al tramonto ci conduce,

fragili ologrammi cangianti

nel rosso

che ci dipinge all’orizzonte.@

Maria Cavallaro